Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Mihajlovic, completato il primo ciclo di terapie. Il ricovero ospedaliero proseguirà per almeno tre settimane

Bologna: sul mercato per la salvezza (e qualcosa in più)

Quella 2018-2019 è stata una stagione tormentata per il Bologna. La salvezza è arrivata, ma c’è stato un momento, durante l’anno, in cui la paura della retrocessione è stata molto più di uno spauracchio. Poi l’arrivo di Sinisa Mihajlovic, i punti a ripetizione, qualche scalpo eccellente (l’Inter, ad esempio) e finalmente la tanto agognata salvezza.

Ora, con il raduno appena cominciato e un nuovo dirigente, Walter Sabatini, a gestire le questioni di mercato, le possibilità di fare un campionato migliore dello scorso anno ci sono. I pronostici di Oddschecker danno il Bologna lontano dalla vetta della classifica, ma la speranza è finire nella parte sinistra, quella nobile. Non si dice Europa, ovviamente, ma un po’ si spera di ripetere l’exploit di una squadra come il Torino (anche se Fenucci, forse giustamente, frena i voli pindarici).

Confermatissimo Mihajlovic, determinante per il cambio di rotta nella scorsa stagione, sono diversi i nomi nuovi che si vedranno al ritiro di Castelrotto. Dopo l’acquisto di Mattia Bani sono arrivati anche i due olandesi Jerdy Schouten e Stefano Denswil, e nei prossimi giorni sarà ufficiale anche il danese classe 1999 Andreas Skov Olsen, cercato da mezza Europa («per lui abbiamo le nostre carte», aveva detto la scorsa settimana l’a.d. felsineo).

Intanto è in standby la trattativa Kouame, mentre sotto sotto resta viva la suggestione Daniele De Rossi: l’ex romanista è stato accostato a tante squadre (Sampdoria, Fiorentina, addirittura Milan e Inter), e l’approdo a Bologna sembra difficile ma non impossibile (il mercato ci ha abituato a ben altre sorprese…).

Non ci sono solo i nuovi acquisti, però: Rodrigo Palacio, dopo un’ottima stagione, ha rinnovato per un altro campionato (anche se gli anni passano), pronto a dare il suo contributo alla causa rossoblù. Mattia Destro, reduce da un periodo non entusiasmante, vuole riguadagnare la fiducia di Mihajlovic: i due si sono già incontrati, l’allenatore è pronto a dargli fiducia a patto che, scrive la Gazzetta dello Sport, perda una certa indolenza che l’ha attanagliato negli ultimi tempi.

Il mercato in uscita, intanto, potrebbe portare lontano dalle Due Torri alcuni tra i migliori giocatori della scorsa annata. Erick Pulgar, ad esempio: su di lui c’è il forte, fortissimo interesse del Napoli di Carlo Ancelotti, alla ricerca di centrocampisti di buon livello per competere alla pari della Juventus per lo scudetto. Federico Santander, invece, potrebbe finire in Cina: se arriverà un’offerta indecente, le possibilità di salutare l’attaccante paraguaiano potrebbero essere alte.

Insomma, tra mercato in uscita e nuovi arrivi chissà che, con i giusti innesti e con la garanzia Mihajlovic in panchina, il Bologna non possa rappresentare la sorpresa della prossima Serie A.