Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Articoli : 0
Totale Parziale : 0,00
Mostra Carrello Cassa

Abisso fa sprofondare un Bologna avvilente, il Cittadella si impone 3-0 al Dall'Ara

Abisso fa sprofondare un Bologna avvilente, il Cittadella si impone 3-0 al Dall’Ara

La stagione 2017-2018 del Bologna inizia al Dall’Ara contro il Cittadella, di fronte a circa novemila spettatori, nel terzo turno eliminatorio di Coppa Italia. Donadoni, nonostante l’assenza per infortunio di Falletti, non rinuncia al 4-2-3-1 provato nel corso di tutta la preparazione estiva, e avanza Poli sulla linea di Verdi e Di Francesco alle spalle di Destro, con la coppia di nuovi acquisti De Maio-Gonzalez dal primo minuto al centro della difesa. In tribuna Donsah e Mounier, ormai prossimi alla cessione, oltre all’acciaccato Falco. Sul versante opposto Venturato, alla terza stagione sulla panchina dei granata, opta per un 4-3-1-2 con l’ex Chievo e Torino Iori in cabina di regia e Schenetti alle spalle del tandem offensivo Litteri-Kouame.
Il match si trasforma subito in una sorta di incubo per i rossoblù, perché dopo venti secondi Schenetti sfiora il bersaglio grosso dal limite dopo un’indecisione collettiva della retroguardia, e al 5’ l’arbitro Abisso espelle Verdi per una presunta gomitata su Pezzi. Donadoni corre ai ripari allargando sulla fascia Poli e passando al 4-4-1, ma la squadra non si riprende dallo shock iniziale e al 19’ subisce la rete di Kouame, abile a deviare nel sacco un cross basso di Litteri dalla sinistra.
La reazione del Bologna, se così può essere definita, è tutta in un paio di conclusioni sbilenche di Pulgar dalla media distanza al 22’ e al 34’, poi al 38’ ancora Schenetti si divora il raddoppio scivolando davanti alla porta pressoché sguarnita dopo aver saltato Mirante. Il 2-0 è però solo rimandato, perché al 40’ Pasa viene lanciato a tu per tu con il numero 83 felsineo e lo fa secco in diagonale. Tutto regolare, se non fosse che il guardalinee aveva alzato la bandierina e Abisso lo aveva ignorato, con De Maio e compagni già fermi, ravvisando in un tocco all’indietro di Pulgar gli estremi per non fischiare l’offside. È sufficiente? No, perché proprio allo scadere Litteri riceve palla a centro area da Schenetti, libero di fare il bello e il cattivo tempo, e infila Mirante per il 3-0 con cui si va al riposo. Velo pietoso.
La partita è già finita e la ripresa potrebbe anche non essere commentata, con il Bologna intento soprattutto a non peggiorare il passivo e il Cittadella a proporsi sporadicamente in contropiede. Gli ingressi di Petkovic, Krejci e Taider servono soltanto per le statistiche, e da segnalare ci sono soltanto gli eloquenti cori della Curva Bulgarelli: “Meritiamo di più” e “Bologna, fuori le palle”. Giusti, sacrosanti, perché la prima uscita ufficiale dei rossoblù è un autentico disastro sotto ogni punto di vista, un’umiliazione che va ben oltre la catastrofica direzione di gara del signor Abisso di Palermo.
Cala la notte sul Dall’Ara, e ad una settimana dall’esordio in campionato sembra già una notte fonda. Fischi per Donadoni e i suoi ragazzi, che con qualche timido cenno provano a chiedere scusa ai tifosi (in primis Poli, l’unico a non mollare mai), applausi per la truppa di Venturato, che in quarantacinque minuti ha portato alla luce tutti i limiti di una squadra che, al 12 di agosto (senza Verdi, certo), sembra molto più debole di quella che lo scorso anno ha chiuso il campionato in quindicesima posizione. Diciannove giorni di mercato per porre rimedio a questa preoccupante situazione, sempre ammesso che l’organico sia l’unico problema del Bologna.

IL TABELLINO

BOLOGNA (4-2-3-1): Mirante; Torosidis, De Maio, Gonzalez, Masina (1’ st Krejci); Pulgar, Nagy (31’ st Taider); Verdi, Poli, Di Francesco; Destro (1’ st Petkovic).
A disp.: Da Costa, Santurro, Gastaldello, Helander, Krafth, Maietta, Mbaye, Crisetig, Okwonkwo.
All.: Donadoni

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Caccin (26’ st Salvi), Adorni, Camigliano (17’ st Bartolomei), Pezzi (9’ pt Benedetti); Pasa, Iori, Siega; Schenetti; Litteri, Kouame.
A disp.: Corasaniti, Maronilli, Varnier, Maniero, Settembrini, Arrighini, Bizzotto, Fasolo.
All.: Venturato

Arbitro: Abisso di Palermo
Ammoniti: 9’ pt Poli (B), 24’ Pasa (B), 36’ pt Schenetti (C), 4’ st Iori (C), 34’ st De Maio (B)
Espulsi: 5’ pt Verdi (B)
Marcatori: 19’ pt Kouame (C), 40’ pt Pasa (C), 45’ pt Litteri (C)
Recupero: 2’ pt, 3’ st
Note: 9.184 spettatori

© Riproduzione Riservata