Allo Stadium errori e rimpianti per il Bologna: Verdi non basta, vince la Juventus 3-1

Allo Stadium errori e rimpianti per il Bologna: Verdi non basta, vince la Juventus 3-1

Tempo di Lettura: 4 minuti

La Juventus per mettere una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo, il Bologna per chiudere in volata un campionato avaro di emozioni. Le indiscrezioni della vigilia che parlavano di un possibile 3-5-2 per entrambe le squadre vengono confermate: Allegri arretra Asamoah al fianco di Barzagli e Rugani, mentre i rossoblù rispondono con il terzetto Mbaye-Romagnoli-De Maio, supportato da due esterni di centrocampo (Krafth e Keita) votati più alla difesa che alla propulsione. Il tecnico bianconero non risparmia i suoi titolarissimi, nonostante l’ormai prossima finale di Coppa Italia, e in avanti schiera la coppia HD, Higuain e Dybala. Sul versante opposto Donadoni, orfano di cinque titolari, propone dal primo minuto Nagy e Crisetig insieme a Poli in mediana, e in attacco si rivede Avenatti per dare manforte a Verdi.
Inizia forte i padroni di casa: al 6’ Marchisio riceve la palla qualche metro prima della linea di centrocampo e manda in porta a memoria Higuain con un lancio lungo illuminante, che permette al bomber argentino di presentarsi immediatamente davanti a Mirante: il portiere è bravissimo a distendere il piede e a deviare in calcio d’angolo la conclusione del ‘Pipita’. La seconda occasione per la Juventus arriva poi su palla inattiva, a seguito di un brutto intervento di Poli su Higuain, che costa il giallo al centrocampista rossoblù. Dalla punizione che ne scaturisce, Alex Sandro è molto bravo ad incornare il cross dalla sinistra, ma Mirante è ancora più bravo a chiudergli la porta in faccia. Al 27’, però, è il Bologna a passare in vantaggio. Buffon sbaglia la misura di un passaggio breve, Crisetig si avventa su un pallone troppo corto per Rugani e il difensore ex Empoli lo spinge a terra: cartellino giallo per lui (poteva, probabilmente doveva essere rosso) e rigore per i felsinei. Sul dischetto si presenta Verdi, freddissimo, che guarda fino all’ultimo secondo i movimenti di Buffon e lo spiazza con un tiro centrale. Da lì all’intervallo è un assolo bianconero, ma solo sul piano del possesso palla, perché Dybala e compagni non spaventano mai veramente un Bologna ordinatissimo.
La seconda frazione inizia con l’immediato ingresso in campo di Douglas Costa al posto di Matuidi, segno che i bianconeri hanno tutta l’intenzione di ribaltare il risultato e staccare ulteriormente il Napoli. Non è pero il talento delle tante frecce a disposizione di Allegri a condurre la ‘Vecchia Signora’ al pareggio, sono sufficienti un cross teso di Cuadrado e tanta sfortuna (per usare un eufemismo): De Maio prova a spazzarla al volo, la colpisce col parastinco e infila il pallone nella sua porta. L’1-1 stordisce il Bologna e rinvigorisce la capolista, che un minuto più tardi ha già l’occasione per completare la rimonta, ma Mirante dice di no ad un bel tiro a giro di Douglas Costa che Cuadrado, a porta sguarnita, non riesce a ribadire nello specchio per pochi centimetri. La risposta dei rossoblù può passare solo per la classe di Verdi, e poco prima del quarto d’ora è proprio lui a crossare rasoterra un pallone che attraversa una selva di gambe, percorre tutta l’area e arriva sui piedi di Krafth: il terzino svedese scarica bene verso la porta, Buffon è straordinario a deviarla sul palo e sventare il pericolo. Purtroppo il suo omologo Mirante, due minuti più tardi, non è altrettanto attento, calcola malissimo la traiettoria di uno spiovente di Douglas Costa e permette a Khedira (che nell’occasione spinge Keita, altro episodio da moviola) di mettere alla sue spalle il più facile dei gol: mani tra i capelli per il numero 83 ma ormai è 2-1, e si fa durissima. La pietra tombale sulla partita arriva al 68’, con il solito imprendibile Douglas Costa che contende un pallone aereo a Torosidis (il suo ingresso per un più che dicreto Krafth resta un mistero), scappa ancora sulla sinistra, la mette in area bassa e tesa e trova la girata in porta di Dybala, fino a quel momento impalpabile.
Lo schema partita cambia, i bianconeri ora possono concedersi di rallentare e per i felsinei diventa ancora più difficile arrivare davanti alla loro porta, anche se Destro – subentrato a Verdi – è bravo scaldare i guantoni di Buffon con una rasoiata che sarebbe terminata nell’angolino, e che rappresenta a tutti gli effetti l’ultima vera emozione della sfida. La Juventus batte così 3-1 un Bologna combattivo e volenteroso ma vittima di grossolani errori in fase difensiva. Fa quasi strano dirlo ma a metà gara la capolista era in difficoltà, e a sbloccarla sono stati proprio i rossoblù, poi travolti dalla furia di Douglas Costa. La diciannovesima sconfitta stagionale (tante, troppe) è gonfia di rimpianti, ma con quelli purtroppo non si cresce e non si migliora.

IL TABELLINO

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Rugani, Barzagli, Asamoah; Cuadrado (27’ st Lichtsteiner), Khedira, Marchisio, Matuidi (1’ st D. Costa), A. Sandro (39’ st Bernardeschi); Dybala, Higuain.
A disp.: Pinsoglio, Szczesny, Benatia, Chiellini, Bentancur.
All.: Allegri.

BOLOGNA (3-5-2): Mirante; Mbaye, De Maio, Romagnoli; Krafth (15′ st Torosidis), Poli, Crisetig, Nagy, Keita; Verdi (27’ st Destro), Avenatti (21’ st Palacio).
A disp.: Da Costa, Masina, Valencia, Di Francesco, Falletti, Krejci, Orsolini.
All.: Donadoni.

Arbitro: Irrati di Pistoia
Ammoniti: 14’ pt. Cuadrado (J), 17’ pt. Poli (B), 27’ pt. Rugani (J), 16’ st. Crisetig (B), 44’ st. Palacio (B)
Espulsi:
Marcatori: 29’ pt rig. Verdi (B), 6’ st aut. De Maio (J), 19’ st Khedira (J), 24’ st Dybala (J)
Recupero: 2’ pt, 4’ st

© Riproduzione Riservata

Foto: juventus.com