Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Bologna inguardabile, il Verona fa festa 1-0

Il Bologna praticamente salvo, il Verona praticamente retrocesso, sul prato del Dall’Ara va in scena una sfida all’apparenza senza grandi motivazioni, se non quella di chiudere la stagione in maniera dignitosa. Donadoni, orfano degli squalificati Gastaldello e Mbaye e dell’infortunato Destro, perde anche Oikonomou nel corso della rifinitura e si affida alla coppia di centrali Rossettini-Maietta, con Ferrari terzino nel consueto 4-3-3. Sul versante opposto Delneri, che lascia a casa Toni per scelta tecnica, riparte da un 4-4-2 sorretto in mediana da Ionita e Viviani e in avanti dal tandem Gomez-Pazzini.
Nei primi venti minuti di gara, a dir poco orrendi, non accade praticamente nulla, tra passaggi sbagliati e falli a ripetizione: a farne le spese è Taider, colpito duro al ginocchio in un contrasto e costretto ad uscire già al 10’, sostituito da Brienza. Gli ospiti non brillano per qualità della manovra ma la prestazione dei rossoblù, molli ed imprecisi ai limiti dell’irritante, lascia subito presagire il peggio. Al 22’ Floccari ci prova di testa senza però inquadrare lo specchio della porta, poi è solo Hellas, che sfiora il vantaggio al 23’ con un tiro-cross di Ionita che si stampa sulla traversa e al 28’ con un tocco da sottomisura di Gomez su azione da corner che sfiora il palo alla destra di Mirante. L’attaccante spagnolo si rimette in mostra al 32’ con una conclusione al volo potente ma imprecisa, poi al 41’ ecco l’episodio che sblocca l’incontro: calcio d’angolo tagliato al centro e incornata vincente del brasiliano Samir, all’esordio in Serie A, per il gol dell’1-0. È una vergogna, e all’intervallo il Dall’Ara ricopre di fischi la squadra.
Donadoni inserisce Rizzo per un impalpabile Mounier e le cose, seppur leggermente, migliorano. Al 15’ Brienza pesca Giaccherini tutto solo in area ma il suo colpo di testa si perde alto sulla traversa, poi al 20’ è proprio Rizzo a seminare il panico nella retroguardia avversario con un pregevole slalom murato sul più bello da Pisano in scivolata. Al 23’ l’ex Sunderland, diffidato, viene ammonito e salterà la trasferta di Roma, mentre al 27’ è tempo del tanto atteso ritorno in campo di Zuculini, accolto con un’affettuosa ovazione dal pubblico felsineo e autore di un’ottima prova. Nel finale i rossoblù, praticamente spuntati vista la totale evanescenza di Floccari, tentano di gettarsi in avanti e sfruttare i cross dello stesso Giaccherini e di Masina, uno dei quali al 37’ trova l’inzuccata di Rizzo che chiama Gollini alla deviazione in corner, ma il risultato non cambia e non cambierà più.
Sconfitta, orrenda sconfitta contro il fanalino di coda, mediocre ma con una buona dose di grinta e solidità, doti che il Bologna pare aver smarrito per strada, senza contare un nettissimo calo sul piano tecnico. Gli otto punti di vantaggio sul Palermo terzultimo restano un buonissimo margine che non lascia spazio ad eccessive preoccupazioni in ottica salvezza, ma è altrettanto vero che non si può restare indifferenti di fronte ad una simile involuzione. C’è bisogno di svegliarsi, dai giocatori fino all’allenatore, e di riprendere la marcia fin dal prossimo turno, anche se dall’altra parte ci sarà la straordinaria Roma di Spalletti. Non è soltanto questione di punti o di piazzamento, è questione di dignità, di attributi e soprattutto di cuore.

IL TABELLINO

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Ferrari, Rossettini, Maietta, Masina; Donsah (27’ st Zuculini), Diawara, Taider (10’ pt Brienza); Mounier (1’ st Rizzo), Floccari, Giaccherini.
A disp.: Da Costa, Stojanovic, Constant, Krafth, Zuniga, Brighi, Crisetig, Acquafresca.
All.: Donadoni

VERONA (4-4-2): Gollini; Pisano, Samir, Bianchetti, Albertazzi (34’ st Souprayen); Wszolek, Ionita, Viviani, Emanuelson (19’ st Gilberto); J. Gomez (28’ st Marrone), Pazzini.
A disp.: Coppola, Marcone, Moras, Furman, Greco, Jankovic.
All.: Delneri

Arbitro: Ghersini di Genova
Ammoniti: 22’ pt Maietta (B), 8’ st Viviani (V), 23’ st Giaccherini (B)
Espulsi: –
Marcatori: 42’ pt Samir (V)
Recupero: 2’ pt, 4’ st
Note: 16.606 spettatori (di cui 12.734 abbonati)

© Riproduzione Riservata