Il Bologna si arrende subito, allo Stadium facile 3-0 della Juventus

Il Bologna si arrende subito, allo Stadium facile 3-0 della Juventus

La Serie A torna in campo dopo la sosta per le festività natalizie e il Bologna ricomincia da una sfida diversa da tutte le altre, da un’avversaria mai amata, da una rivalità impari ma terribilmente sentita, dalla capolista Juventus. Donadoni, che deve rinunciare a Gastaldello per un affaticamento muscolare non del tutto smaltito, si presenta a Torino con il consueto 4-3-3, ridando una chance dal primo minuto a Donsah, Oikonomou e Di Francesco. Allegri, senza Buffon, Bonucci e Alex Sandro e Dani Alves, risponde con Asamoah terzino sinistro, Marchisio in cabina di regia e Pjanic alle spalle del tandem d’attacco Dybala-Higuain. Felsinei in campo con il lutto al braccio in memoria del grande Ezio Pascutti, ricordato anche con un toccante minuto di silenzio prima del fischio d’inizio.
Il biglietto da visita della capolista non tarda purtroppo ad arrivare: al 7’ Pjanic serve con un vellutato tocco sotto Higuain, che sfugge alla marcatura di Oikonomou e trafigge Mirante con un destro al volo centrale ma molto potente. 1-0 ma non è finita, perché al 14’ Lichtsteiner sfiora il raddoppio deviando verso la porta un corner di Pjanic, e al 16’ ancora Higuain incorna a lato di un soffio un preciso cross di Khedira. La reazione del Bologna, comunque abbastanza compatto e ordinato, è tutta in un guizzo di un vivace Di Francesco, dribbling e tiro a girare debole parato da Neto al 19’, e in una botta dal limite troppo larga di Krejci al 26’. La Juventus, sorniona, osserva senza battere ciglio e torna a colpire al 40’, quando Oikonomou sgambetta in area Sturaro e causa il rigore del 2-0, trasformato un minuto dopo da Dybala.
Nessun cambio nell’intervallo e copione del match che non cambia di una virgola nella ripresa, con una quieta supremazia dei bianconeri e qualche incursione all’acqua di rose dei rossoblù, incapaci anche solo di calciare verso la porta avversaria. Destro è un fantasma, Krejci vivacchia, Di Francesco si spegne alla distanza, mentre l’intera fase difensiva non riesce più a contenere lo strapotere fisico e tecnico dei padroni di casa, così al 9’ Lichtsteiner è libero di involarsi sulla fascia destra e di appoggiare sulla testa di Higuain, liberissimo, il pallone del 3-0. Di fatto, da lì in poi, oltre agli ingressi di Mounier, Pulgar e Rizzo da un parte, e di Cuadrado, Rincon e Mandukic dall’altra, non accade più nulla, fatta eccezione per un tiro alto di Dybala da posizione favorevole al 25’ e un contropiede potenzialmente pericoloso gestito malissimo da Khedira nel finale.
Nessuna sorpresa allo Juventus Stadium, vincono i più forti in assoluto, extraterrestri in un campionato di mediocre umanità, e lo fanno sprecando poche gocce di sudore. Dai ragazzi di Donadoni non si pretendevano fuochi d’artificio né tantomeno punti, ma sicuramente qualcosa di meglio in termini di personalità, coraggio, e determinazione, qualcosa di più rispetto al solito compitino al cospetto di una grande, per subire il meno possibile. Non si possono fare drammi e non si può bocciare nessuno quando di fronte ci sono i migliori, ma senza dubbio i rimandati alle prossime partite stasera sono tanti. Nel girone di ritorno serviranno risposte diverse e più confortanti, a cominciare da sabato pomeriggio a Crotone, e tutto sommato anche una piccola spinta dal mercato non guasterebbe.

IL TABELLINO

JUVENTUS (4-3-1-2): Neto; Lichtsteiner, Barzagli, Chiellini, Asamoah; Khedira (36’ st Rincon), Marchisio, Sturaro; Pjanic (24’ st Cuadrado); Dybala, Higuain (28’ st Mandzukic).
A disp.: Audero, Del Favero, Rugani, Semprini, Hernanes, Mandzukic, Pjaca.
All.: Allegri

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Torosidis, Oikonomou, Maietta, Masina; Donsah, Viviani, Dzemaili (26’ st Pulgar); Krejci (26’ st Rizzo), Destro, Di Francesco (43’ st Mounier).
A disp.: Da Costa, Sarr, Ferrari, Gastaldello, Krafth, Mbaye, Nagy, Floccari, Okwonkwo.
All.: Donadoni

Arbitro: Mariani di Aprilia
Ammoniti: 17’ pt Lichtsteiner (J), 35’ pt Torosidis (B), 46’ pt Di Francesco (B)
Espulsi:
Marcatori: 7’ pt e 9’ st Higuain (J), 41’ pt rig. Dybala (J)
Recupero: 1’ pt, 2’ st

© Riproduzione Riservata