Buon Natale Bologna! Pescara asfaltato 3-0 con Masina, Dzemaili e Krejci

Il Pescara reduce da otto sconfitte nelle ultime dieci gare e con l’acqua alla gola, il Bologna ancora a debita distanza dalla zona retrocessione ma desideroso di dare una scossa ad un campionato mediocre, allo stadio Adriatico va in scena un match che può già dire tanto sul futuro di queste due formazioni. Donadoni recupera Di Francesco soltanto per la panchina e ripropone lo stesso undici che ha pareggiato 0-0 contro l’Empoli, con Viviani in cabina di regia, Nagy mezzala e la coppia di esterni Krejci-Mounier ai lati di Destro. Sul versante opposto Oddo, senza l’infortunato Pepe e lo squalificato Aquilani, affida le chiavi della mediana a Brugman, con Caprari e Benali alle spalle dell’unica punta Manaj. Come annunciato, oltre allo staff dirigenziale rossoblù, presente in tribuna anche il patron Joey Saputo, accompagnato dal figlio Luca.
L’approccio al match della squadra è perfetto sul piano della grinta e della concentrazione, e già al 7’ arriva il gol del vantaggio: splendido traversone dalla sinistra di Viviani per Masina (alla cinquantesima presenza in A con la maglia del Bologna), che si inserisce sul secondo palo e trafigge Bizzarri di testa. Non è però l’unica mazzata che colpisce i padroni di casa, perché al 16’ Verre entra malissimo in tackle sulla caviglia di Mounier e Rocchi lo espelle. Da quel momento in avanti inizia una sorta di monologo felsineo, con Bizzarri chiamato a fare gli straordinari al 24’ su una rasoiata mancina di Dzemaili e al 26’ su una staffilata dalla lunga distanza di Masina. Negli ultimi venti metri le scelte degli uomini di Donadoni non sono sempre le migliori, ma il Pescara è davvero poca cosa e al 41’ ecco che un tiro dal limite di Dzemaili sporcato da Campagnaro si trasforma nel 2-0. Unica nota negativa prima dell’intervallo il solito fastidio muscolare per Maietta, costretto ad uscire e sostituito da Krafth, con spostamento di Torosidis al centro della difesa.
Nella ripresa il copione della gara non cambia di una virgola, anzi, se possibile Gastaldello e compagni iniziano a giocare ancora meglio. Al 7’ botta di Viviani smanacciata in corner dal Bizzarri, e al 10’ l’azione che chiude i conti definitivamente: bella combinazione nello stretto fra Dzemaili e Destro, fallo di Crescenzi sul bomber e rigore sacrosanto (in questa stagione i rossoblù non ne avevano mai beneficiato). Destro, caduto male sulla spalla, è troppo dolorante per presentarsi sul dischetto, così tocca a Krejci, che resta freddo e realizza il suo primo gol in Serie A con il Bologna. Partita mai in discussione e ora ampiamente in ghiaccio, mentre Donadoni concede spazio anche a Donsah e Okwonkwo e Krejci si vede negare la doppietta personale al 29’ ancora da Bizzarri, superlativo nella risposta da sottomisura. Al 31’ è invece Viviani a riprovarci da distanza siderale, ma il portiere argentino non si lascia sorprendere e alza la sfera sopra la traversa. Nel finale c’è spazio solamente per una pregevole giocata del neo entrato Pettinari, che si libera col tacco di due difensori e impegna Mirante da posizione defilata.
Finisce così, tra i fischi e gli insulti del pubblico di casa, tra i cori e la gioia degli splendidi tifosi felsinei arrivati fino in Abruzzo. 3-0 e tanti saluti ad ogni possibile timore, undici punti dal terzultimo posto quando mancano ancora due giornate al termine del girone d’andata (nonostante la sfida col Milan si disputerà a febbraio), la necessità di crescere e fare meglio ma nello stesso tempo la consapevolezza di potersi inserire in uno spazio di classifica più onorevole di quello attuale. Il Bologna chiude il suo 2016 con un bel sorriso: dopo un periodo piuttosto buio le luci di Natale, rigorosamente rosse e blu, possono iniziare a risplendere.

IL TABELLINO

PESCARA (4-3-2-1): Bizzarri; Crescenzi, Campagnaro, Gyomber, Biraghi; Memushaj, Brugman (1’ st Cristante), Verre; Benali (20’ st Pettinari), Caprari; Manaj (36’ pt Zampano).
A disp.: Fiorillo, Coda, Fornasier, Vitturini, Zuparic, Bruno.
All.: Oddo

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Torosidis, Gastaldello, Maietta (36’ pt Krafth), Masina; Nagy, Viviani, Dzemaili (26’ st Donsah); Mounier, Destro, Krejci (39’ st Okwonkwo).
A disp.: Da Costa, Sarr, Ferrari, Mbaye, Oikonomou, Pulgar, Taider, Di Francesco, Floccari.
All.: Donadoni

Arbitro: Rocchi di Firenze
Ammoniti: 23’ pt Nagy (B), 23’ st Gastaldello (B), 38’ st Biraghi (P)
Espulsi: 16’ pt Verre (P)
Marcatori: 7’ pt Masina (B), 41’ pt Dzemaili (B), 12’ st rig. Krejci (B)
Recupero: 2’ pt, 2’ st

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it