Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Due occasioni, tanti sbadigli e un punto a testa: Cagliari-Bologna 0-0

Due occasioni, tanti sbadigli e un punto a testa: Cagliari-Bologna 0-0

Il Cagliari reduce da quattro sconfitte di fila e con un disperato bisogno di punti per non sprofondare nelle sabbie mobili della bassa classifica, il Bologna beffato nel recupero a Marassi sponda Sampdoria e in cerca di riscatto per imbastire un finale di stagione decoroso: alla Sardegna Arena va in scena una sfida che, almeno sulla carta, si preannuncia combattuta e dall’esito tutt’altro che scontato. Lopez, sempre orfano del suo capitano Joao Pedro, prosegue nel solco del 3-5-2, con Cigarini al centro della mediana e il tandem offensivo Sau-Pavoletti. Scelta tattica speculare per Donadoni, privo di ben cinque uomini, che offre una maglia da titolare a Orsolini sull’out di destra e ripropone Crisetig in cabina di regia, con Verdi a supporto di Palacio in avanti.
La gara, complice anche il gran caldo, si sviluppa su ritmi abbastanza bassi, e nel primo quarto d’ora non si va oltre un velenoso cross di Faragò neutralizzato da Gonzalez e una botta dalla distanza di Ionita controllata da Mirante. La prima vera occasione da gol arriva al 21’ ed è di marca felsinea: Masina pesca Verdi sul dischetto del rigore ma il fantasista, col mancino, spedisce la sfera sul fondo. Anche al 30’, dopo una bella incursione centrale di Palacio, Verdi non è perfetto nel controllo e viene fermato da Castan, il tutto mentre il pubblico di casa inizia a rumoreggiare. Serve quindi un’altra iniziativa di Faragò per scuotere i sardi, ma sul suo traversone basso al 40’ Pavoletti spara alle stelle a porta pressoché sguarnita, dopo un clamoroso liscio di Romagnoli. Nell’ultimo giro di lancette Cragno blocca in due tempi un diagonale di Verdi da posizione defilata, e le squadre rientrano così negli spogliatoi sul punteggio di 0-0.
La ripresa si apre con una rete annullata a Sau per un tocco di braccio, poi al 10’ un preciso filtrante di Dzemaili chiama Cragno all’uscita bassa per anticipare Orsolini. A quel punto il Cagliari inizia ad aumentare l’intensità, e al 14’ Mirante deve superarsi per deviare in corner un colpo di testa di Sau su assist di Padoin. Di lì a poco Donadoni sostituisce Romagnoli con Mbaye, senza però cambiare modulo, e in seguito anche Crisetig con Nagy, nella speranza di aumentare il dinamismo a centrocampo. La situazione generale però non cambia, la noia prende possesso del match ed entrambe le formazioni sembrano accontentarsi del pareggio. Pareggio che alla fine arriva, tra i fischi di tutto lo stadio, in aperta contestazione con Lopez e i suoi giocatori. Per il Bologna un punticino senza infamia e senza lode, specchio di una stagione anonima e priva di emozioni.

IL TABELLINO

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Pisacane (44’ st Romagna), Castan, Ceppitelli; Faragò, Barella, Cigarini, Ionita (36’ st Lykogiannis), Padoin; Sau (20’ st Han), Pavoletti.
A disp.: Crosta, Rafael A., Andreolli, Caligara, Deiola, D. Ceter, Giannetti.
All.: Lopez

BOLOGNA (3-5-2): Mirante; Gonzalez, Romagnoli S. (16’ st Mbaye), De Maio; Orsolini, Poli (42’ st Krejci), Crisetig (32’ st Nagy), Dzemaili, Masina; Verdi, Palacio.
A disp.: Da Costa, Brignani, Keita, Krafth, Kingsley, Avenatti, Di Francesco, Falletti.
All.: Donadoni

Arbitro: Doveri di Roma
Ammoniti: 23’ pt Gonzalez (B), 25’ pt Crisetig (B), 35’ pt Dzemaili (B), 38’ pt Padoin (C), 18’ st De Maio (B), 41’ st Cigarini (C), 41’ st Nagy (B), 42’ st Lykogiannis (C)
Espulsi:
Marcatori:
Recupero: 1’ pt, 5’ st

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it