Fiorentina superiore, il Bologna si arrende ad un gol di Babacar

Fiorentina superiore, il Bologna si arrende ad un gol di Babacar

La Fiorentina per tenere vive le ultime speranze di aggancio alla zona Europa League, il Bologna a caccia della terza vittoria consecutiva. Allo stadio Franchi, davanti agli occhi del patron rossoblù Joey Saputo, si gioca il derby dell’Appennino numero 144 nella storia, e Donadoni schiera nuovamente i suoi uomini secondo il 3-5-2, con Taider e Donsah preferiti un po’ a sorpresa a Dzemaili e Nagy, Viviani in cabina di regia e Verdi a supporto di Destro in avanti. Sul versante opposto Sousa, orfano di Bernardeschi, Vecino e Gonzalo Rodriguez, si affida ad un 3-4-2-1 sorretto dal bomber croato Kalinic, con Tomovic a guidare la difesa e la coppia inedita Cristoforo-Badelj in mediana.
Decisamente meglio i viola nel primo quarto d’ora, anche se la prima occasione da gol capita al 9’ sul sinistro di Verdi, che dopo una bella combinazione fra Taider e Krejci vede la sua conclusione rimpallata in corner. Nella fase centrale, fatta eccezione per una botta di Kalinic murata da Torosidis al 15’, non accade granché, ma nel finale i padroni di casa tornano a fare la voce grossa e sfiorano in due circostanze il vantaggio. Al 36’ Astori, su traversone da calcio d’angolo, si libera della marcatura di Mbaye e colpisce di testa in modo potente ma troppo centrale per impensierire Mirante, che al 39’ deve invece superarsi per respingere la botta da sottomisura di Borja Valero su perfetto assist di Badelj. Si va così al riposo sullo 0-0, e il Bologna non può certo lamentarsi.
La ripresa si apre sotto un copioso acquazzone e con l’avvicendamento fra Kalinic, colpito duro alla schiena, e Babacar. Il predominio della Fiorentina, sia sul piano tecnico che su quello fisico, rimane evidente, e al 6’ è proprio il centravanti senegalese a trovare il guizzo vincente, con un perentorio colpo di testa su cross di Milic che si insacca imparabile nell’angolino basso. La risposta dei rossoblù è quasi tutta in una spaccata di poco alta di Krejci su lancio di Verdi, mentre al 22’ Maietta rischia il clamoroso autogol con una deviazione di ginocchio dopo un affondo di Tello sulla destra. Lo stesso numero 20, però, qualche minuto dopo va vicinissimo al pareggio con un’incornata da due passi che si spegne a lato di un soffio.
È l’inizio di una breve fase favorevole agli uomini di Donadoni, che al 31’ mettono i brividi a Tatarusanu con un contropiede orchestrato da Verdi e chiuso da una rasoiata mancina di Krejci controllata non senza affanni dal portiere rumeno. L’inerzia del match però non cambia, nonostante gli ingressi di Dzemaili, Nagy e Di Francesco, e fra il 33’ e il 45’ soltanto uno strepitoso Mirante evita ai felsinei un passivo peggiore: prima una deviazione miracolosa sul destro secco da fuori del neo entrato Saponara, poi un colpo di reni pazzesco per neutralizzare la punizione dal limite di Borja Valero, nettamente il migliore in campo, destinata all’incrocio dei pali.
Vince la Fiorentina e lo fa con pieno merito, contro un Bologna ordinato ma troppo rinunciatario e quasi mai pericoloso in avanti, a tratti schiacciato da un’avversaria che sta vivendo una stagione altalenante ma che resta fra le migliori del campionato per qualità e proprietà di palleggio. Nessun dramma, soltanto la consapevolezza di dover crescere ancora molto, moltissimo, per poter dare realmente fastidio alle prime sette-otto squadre della nostra Serie A. Domenica prossima, al Dall’Ara contro la Roma, un’altra occasione difficile ma stimolante per provare finalmente ad invertire questa tendenza.

IL TABELLINO

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Tomovic, Astori; Tello (39’ st Chiesa), Cristoforo, Badelj, Milic; B. Valero, Ilicic (25’ st Saponara); Kalinic (1’ st Babacar).
A disp.: Satalino, Sportiello, De Maio, M. Olivera, Salcedo, Hagi, Maistro.
All.: Sousa

BOLOGNA (3-5-2): Mirante; Maietta, Gastaldello, Torosidis (32’ st Di Francesco); Mbaye, Donsah, Viviani (9’ st Dzemaili), Taider (9’ st Nagy), Krejci; Verdi, Destro.
A disp.: Da Costa, Sarr, Krafth, Masina, Oikonomou, Valencia, Petkovic, Sadiq.
All.: Donadoni

Arbitro: Doveri di Roma
Ammoniti: 29’ pt Destro (B), 14’ st Badelj (F), 25’ st Tomovic (F), 45’ st Krejci (B)
Espulsi:
Marcatori: 6’ st Babacar (F)
Recupero: 3’ pt, 4’ st

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it