Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Giacomelli e Gonzalez spianano la strada al Milan, Bologna piegato 2-1 al Dall'Ara

Giacomelli e Gonzalez spianano la strada al Milan, Bologna piegato 2-1 al Dall’Ara

Il Bologna per tornare finalmente a battere una big, mettere in ghiaccio la terza salvezza consecutiva e vivacizzare una stagione altrimenti anonima. Il Milan per rialzare la testa dopo la figuraccia casalinga contro il Benevento, ritrovare fiducia e restare in corsa per un posto nella prossima Europa League. Sfida affascinante al Dall’Ara, e per l’occasione Donadoni torna al 4-3-3 proponendo Nagy al posto di Dzemaili (affaticamento muscolare nel riscaldamento) in mediana, con Orsolini preferito a Di Francesco nel tridente offensivo. Scelta tattica speculare per Gattuso, orfano di Biglia, Conti e Romagnoli, che affida le chiavi del centrocampo a Locatelli e preferisce Cutrone a Kalinic e André Silva in attacco.
Fin dai primi minuti la partita si sviluppa sui binari dell’equilibrio, anche se nel complesso sono i rossoblù a farsi preferire: al 13’ Palacio prova a sfondare centralmente ma non riesce a concludere, al 17’ Poli non inquadra lo specchio della porta con un diagonale volante, mentre al 25’ una punizione a giro di Verdi si spegne docile fra le braccia di Donnarumma. Gli ospiti, sornioni, attendono il momento giusto per colpire, e lo trovano al 34’: lancio lungo di Bonucci, appoggio di Kessie per Cutrone, tocco a rimorchio per l’accorrente Calhanoglu e staffilata vincente del turco alla destra di Mirante.
Il Bologna, colpito all’improvviso, reagisce comunque in maniera positiva allo svantaggio, e al 37’ un’incornata di Mbaye chiama Donnarumma alla deviazione in corner. Di lì a poco un pallone scodellato in area da Verdi genera un batti e ribatti che libera al tiro Orsolini, bravo ad insaccare con un siluro mancino: la gioia del classe 1997 è però breve, perché gli addetti VAR ravvisano un tocco di braccio di Palacio (nettamente involontario) e richiamano alla on field review Giacomelli, che annulla il gol. Stavolta sì, il contraccolpo psicologico per i felsinei è terribile, e all’inizio del recupero un brutto errore in disimpegno di Gonzalez spalanca la strada al raddoppio di Bonaventura, che trafigge Mirante in diagonale dopo aver disorientato Nagy.
L’avvio di ripresa è un monologo rossonero, e al 6’ prima Cutrone (palo) e poi Suso (miracolo di Mirante) vanno ad un passo dal 3-0. Al 9’ ancora il fantasista spagnolo fallisce il tris calciando alle stelle da sottomisura, mentre al 15’ è Cutrone a divorarsi il più comodo dei tap-in a porta pressoché sguarnita. La risposta dei padroni di casa arriva tra il 16’ e il 18’ con Palacio, che prima mette i brividi a Donnarumma con una velenosa rasoiata da fuori e in seguito chiama Calabria al salvataggio sulla linea con un guizzo in mischia. Al 27’ Bonaventura coglie una clamorosa traversa dal limite, ma al 29’ ecco l’azione che riapre il match: fendente da Orsolini che attraversa tutta l’area e raggiunge Verdi, cross al bacio del numero 9 e inzuccata in rete di De Maio per l’1-2.
Il Dall’Ara torna a credere nel pareggio, la squadra di Donadoni (che in precedenza aveva inserito Avenatti e Romagnoli al posto di Nagy e Gonzalez) anche, e dopo un solo giro di lancette Mbaye impegna severamente Donnarumma con un destro secco da circa dieci metri. Il 2-2 sembra nell’aria ma da lì in avanti il Bologna non riesce più a rendersi davvero pericoloso, così nell’ultimo quarto d’ora il Milan non deve faticare più di tanto per uscire dal campo con i tre punti. Tre punti tutto sommato meritati, in un match però condizionato pesantemente da un grave errore arbitrale. Certo, anche dalla fragilità sia difensiva che mentale dei rossoblù, che con questa sconfitta (l’ottava casalinga della stagione) non possono ancora dirsi aritmeticamente salvi.

IL TABELLINO

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Mbaye, De Maio, Gonzalez (13’ st Romagnoli S.), Masina (37’ st Keita); Poli, Pulgar, Nagy (7’ st Avenatti); Verdi, Palacio, Orsolini.
A disp.: Da Costa, Ravaglia, Krafth, Torosidis, Crisetig, Kingsley, Di Francesco, Falletti, Krejci.
All.: Donadoni

MILAN (4-3-3): Donnarumma G.; Calabria, Bonucci, Zapata, R. Rodriguez; Kessie, Locatelli, Bonaventura (39’ st Montolivo); Suso, Cutrone (35’ st Kalinic), Calhanoglu (31’ st Borini).
A disp.: Donnarumma A., Storari, Abate, Antonelli, G. Gomez, Musacchio, J. Mauri, Torrasi, A. Silva.
All.: Gattuso

Arbitro: Giacomelli di Trieste
Ammoniti: 23’ pt Locatelli (M), 7’ st Masina (B)
Espulsi:
Marcatori: 34’ pt Calhanoglu (M), 46’ pt Bonaventura (M), 29’ st De Maio (B)
Recupero: 5’ pt, 4’ st
Note: 24.263 spettatori

 © Riproduzione Riservata