Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Il Bologna si rialza con Verdi e Di Francesco, 2-1 al Cagliari

Il Bologna si rialza con Verdi e Di Francesco, 2-1 al Cagliari

Il Bologna per riscattare la rovinosa sconfitta di Torino, il Cagliari alla caccia del primo successo in campionato: al Dall’Ara, nell’orario tradizionalmente dedicato a tagliatelle e lasagne, va in scena una sfida tutta rossoblù. Donadoni, ancora privo di alcuni elementi per problemi fisici, sceglie di dare fiducia quasi per intero all’undici uscito malconcio dall’Olimpico, con le uniche eccezioni di Da Costa, Nagy e Krejci al posto di Mirante, Pulgar e Rizzo. Sul versante opposto Rastelli, reduce dal pareggio casalingo contro la Roma, opta per un 4-3-1-2 con l’ex Di Gennaro in cabina di regia e il giovane Barella alle spalle del tandem d’attacco Sau-Borriello.
L’avvio di gara dei felsinei, compatti, aggressivi e rapidi nella circolazione di palla, fa ben sperare, e al 12’ è Taider a scaldare per primo i guantoni di Storari, con un piatto destro al volo su cross di Krafth che il portiere dei sardi smanaccia in angolo. Al 19’, dopo un tiro sull’esterno della rete di Borriello, Dzemaili ci prova dalla distanza, ma la sua rasoiata è troppo debole e centrale per impensierire il numero 1 avversario. Il Bologna continua comunque a premere e il gol, che sembra nell’aria, diventa realtà al 23’ grazie a Verdi, che trafigge Storari con una traiettoria beffarda su punizione dal limite. Il fantasista ex Carpi è in giornata e lo conferma al 27’, quando l’estremo difensore ospite deve letteralmente volare per deviare in corner un suo sinistro a giro dai venti metri. Nell’ultimo quarto d’ora della frazione, complice anche il gran caldo, i ritmi si abbassano molto, e Donadoni prova a vivacizzare la manovra offensiva invertendo le due ali: la squadra non crea altre occasioni da gol, ma controlla senza alcun affanno il risultato fino all’intervallo.
L’episodio che di fatto chiude il match va in scena al 7’ della ripresa, quando Krejci lanciato a rete viene prima sgambettato e poi calpestato da Storari in uscita disperata, intervento che costa al portiere il rosso diretto. Con i rossoblù di casa in superiorità numerica la partita inizia a prendere una piega sempre più precisa, anche se Gastaldello e compagni non riescono a sfruttare i tanti varchi che si aprono in contropiede, sbagliando in fase di ultimo passaggio o di conclusione. Dopo un paio di tentativi di Taider e Verdi controllati senza problemi dal neo entrato Rafael, è Destro ad impensierire il portiere brasiliano con una mezza girata su azione da calcio d’angolo al 22’, ma per assistere al raddoppio c’è bisogno dell’ingresso in campo di Di Francesco: gran numero di Krejci sulla sinistra, palla al centro e tap-in vincente del figlio d’arte, che dopo i due gol con l’Under 21 si regala anche la prima gioia in Serie A.
Sembra fatta. Sembra, appunto, perché non può esistere Bologna senza sofferenza e patema d’animo. Al 38’ un missile di Bruno Alves su punizione si insacca quasi all’incrocio dei pali, con Da Costa che può solo toccare la sfera, ed ecco che il finale si riempie di tensione. Al 44’ Ionita si infortuna seriamente alla caviglia e lascia il Cagliari in nove, ma i sardi riescono comunque ad entrare in area per due volte grazie a Farias, stoppato sul più bello dalla retroguardia di Donadoni. In pieno recupero Verdi non riesce a chiudere i conti con il sinistro dopo un bel doppio dribbling, i ragazzi di Rastelli tentano di imbastire un ultimo assalto ma un fallo di Borriello su Krafth spegne le residue speranze di pareggio: vince il Bologna e lo fa con pieno merito, anche se lo score avrebbe potuto e dovuto essere migliore. Il tempo per crescere e migliorare c’è tutto, nel frattempo ci sono anche 6 punti e un ritrovato entusiasmo dopo il tonfo di Torino, che in questo pomeriggio di afa e sorrisi pare soltanto un lontano ricordo.

IL TABELLINO

BOLOGNA (4-3-3): Da Costa; Krafth, Oikonomou, Gastaldello, Masina (31’ st Torosidis); Taider, Nagy (41’ st Viviani), Dzemaili; Verdi, Destro (23’ st Di Francesco), Krejci.
A disp.: Ravaglia, Sarr, Ferrari, Helander, Mbaye, Morleo, Pulgar, Floccari, Mounier.
All.: Donadoni

CAGLIARI (4-3-1-2): Storari; Isla, Salamon, B. Alves, Murru (21’ st Tachtsidis); Padoin, Di Gennaro, Ionita; Barella (11’ st Rafael A.), Sau (28’ st Farias), Borriello.
A disp.: Colombo, Bittante, Capuano, Ceppitelli, Pisacane, Munari, Giannetti, Melchiorri.
All.: Rastelli

Arbitro: Abisso di Palermo
Ammoniti: 21’ pt Barella (C), 32’ pt Ionita (C), 47’ st Dzemaili (B), 48’ st B. Alves (C)
Espulsi: 8’ st Storari (C)
Marcatori: 23’ pt Verdi (B), 29’ st Di Francesco (B), 38’ st B. Alves (C)
Recupero: 2’ pt, 5’ st
Note: 17.903 spettatori (di cui 13.576 abbonati)

© Riproduzione Riservata

Foto: ansa.it