Milan-Bologna 3-0 senza storia, per fortuna manca solo una partita

Milan-Bologna 3-0 senza storia, per fortuna manca solo una partita

È la penultima giornata di campionato, e gli umori delle due squadre in scena a San Siro in questa calda domenica di maggio sono molto diversi. Il Bologna si presenta alla Scala del calcio a mente sgombra, avendo appena superato quota quaranta punti grazie alla vittoria per 3-1 arrivata contro il Pescara. Il Milan di contro ha bisogno di vincere per staccare di quattro lunghezze la Fiorentina e strappare con una giornata di anticipo l’ultimo pass disponibile per l’Europa League. I rossoneri giocano con un 3-5-2 che vede contemporaneamente in campo Bacca e Lapadula, i rossoblù rispondono riproponendo Di Francesco, Verdi e Krejci alle spalle di bomber Destro.
La prima vera occasione del match capita sui piedi di Lapadula: al 13′ Deulofeu serve in mezzo all’area Bacca, il colombiano manca l’aggancio ma il pallone capita sui piedi dell’attaccante italo-peruviano, che inaspettatamente grazia Mirante calciando a lato il più classico dei rigori in movimento. Due minuti più tardi il Bologna è costretto a sostituire uno dei suoi uomini più in forma, ma non rinuncia alla trazione anteriore: fuori lo sfortunato Di Francesco, dentro il giovanissimo Okwonkwo. Nonostante la spregiudicatezza offensiva i felsinei faticano a farsi vedere nella metà campo avversaria, ma il Milan abbaia senza mordere e si arriva all’intervallo senza particolari sussulti.
Nella ripresa il copione è lo stesso, il Milan non riesce ad incidere ma al 6′ rischia di trovare il vantaggio con Pasalic, che su situazione di calcio d’angolo impatta in maniera fortunosa un pallone che rotola lentamente affianco al palo alla destra di Mirante. I padroni di casa iniziano ad alzare i giri del motore, e al 20′ il portiere felsineo deve farsi trovare pronto su Honda − subentrato ad un fischiatissimo Bacca – che si accentra dalla destra e lascia partire un tiro destinato all’angolino. Nei dieci minuti successivi il Bologna si spegne del tutto e viene trafitto per ben tre volte. Prima Mirante non può nulla su un tiro da dentro l’area del solito Lapadula, il cui gol viene però annullato per fuorigioco. Al 25′ è invece validissimo il bellissimo destro al volo di Deulofeu, che riceve a pochi passi dalla porta un pallone morbidissimo da Mati Fernandez e sblocca il tabellino. È infine Honda a bucare le mani a Mirante al 28′ con una punizione dal limite che sancisce il 2-0 e spegne le poche velleità degli ospiti. Nel recupero c’è spazio anche per il definitivo 3-0: corner per il Milan, il Bologna è tutto nella sua area ma ancora Mati riesce comunque ad entrare in area dalla sinistra e ad imbeccare Lapadula, che a due metri da Mirante non può proprio sbagliare.
Come prevedibile le differenti ambizioni delle due squadre hanno fatto la differenza, ma il Bologna si è sciolto troppo facilmente non appena gli avversari hanno aumentato il ritmo. Attaccanti mai in partita e Donnarumma che non si è dovuto sporcare i guanti nemmeno una volta. Decisamente troppo poco, motivazioni a parte. Era lecito aspettarsi una prestazione più combattiva contro una squadra che grazie a questi tre punti torna in Europa dopo tre anni di assenza, ma è ben lontana dall’essere un’imbattibile corazzata. Nota a margine per gli amanti delle statistiche: centesima vittoria in Serie A per Montella, che chiude un cerchio. Vinse la prima nel 2011, quando sedeva sulla panchina della Roma e i giallorossi sconfissero al Dall’Ara il Bologna grazie ad un gol di De Rossi.

IL TABELLINO

MILAN (3-5-2): Donnarumma; Romagnoli, Paletta, Gomez G.; Vangioni, Bertolacci (1′ st M. Fernandez), Montolivo, Pasalic, Deulofeu (39′ st Cutrone); Lapadula, Bacca (12′ st Honda).
A disp.: Guarnone, Storari, Calabria, Altare, Kucka, Locatelli, Sosa, Ocampos.
All.: Montella

BOLOGNA (4-2-3-1): Mirante; Mbaye (18′ st Krafth), Gastaldello, Helander, Torosidis; Donsah, Taider; Di Francesco (15′ pt Okwonkwo), Verdi, Krejci (11′ st Rizzo); Destro.
A disp.: Da Costa, Sarr, Maietta, Oikonomou, Pulgar, Petkovic, Sadiq, Tabacchi.
All.: Donadoni

Arbitro: Giacomelli di Trieste
Ammoniti: 5′ pt Helander (B), 25′ st Deulofeu (M), 26′ st Gastaldello (B), 46′ st Cutrone (M)
Espulsi:
Marcatori: 25′ st Deulofeu (M), 28′ st (Honda), 45′ st Lapadula (M)
Recupero: 1’ pt, 2’ st.

© Riproduzione Riservata