Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Un bel Bologna stende 2-0 il Trapani e avanza in Coppa Italia

Primo impegno ufficiale della stagione 2016-2017 per il Bologna, che al Dall’Ara affronta il Trapani di fronte a circa 12 mila spettatori. La scelta tattica di Donadoni ricade su un 4-3-3 con Maietta al fianco di Gastaldello in difesa, Nagy in cabina di regia e Destro al centro dell’attacco, sostenuto sulle corsie laterali da Krejci e Verdi. Sul versante opposto Cosmi, orfano di diversi titolari, riparte dal consueto 3-5-2 con la coppia brasiliana Coronado-De Cenco di punta.
Fin dalle prime battute i rossoblù prendono in mano le redini del gioco e si fanno apprezzare per la velocità e la precisione della loro manovra, soprattutto in avanti: idee chiare e gambe molto più brillanti del previsto. Al 3’ Destro spedisce a lato da posizione favorevole, mentre al 25’ è Verdi a sprecare una ghiottissima chance calciando sul fondo a tu per tu con Guerrieri, su assist dello stesso centravanti. Sulla fascia sinistra Krejci è una freccia inarrestabile per i difensori granata, ed è proprio lui al 42’ a depositare nel sacco la sfera col piatto sinistro dopo una bella iniziativa di Verdi e un perfetto velo di Destro. Il Bologna piace e strappa applausi, si va al riposo sull’1-0 ma il divario tra le due squadre è ben più ampio di quanto non dica il punteggio.
Poco male, perché in avvio di ripresa ci pensa Taider a chiudere a chiudere i conti, beffando il portiere dei siciliani con un pregevole tocco sotto e dedicando poi la rete al primogenito Alaeddine, nato qualche giorno fa. I felsinei però non si accontentano e già al 4’ sfiorano il punto del 3-0 con una botta di Verdi dal limite che accarezza la base del palo. Il Trapani resta completamente in balìa degli uomini di Donadoni, che via via inserisce Di Francesco, Donsah e Brienza per Krejci (con tanto di standing ovation del pubblico), Pulgar (ottima anche la sua prova) e Destro (passi avanti importanti sul piano della condizione). Al 32’ Guerrieri smanaccia in corner un altro tentativo di Verdi, questa volta da sottomisura, mentre nel finale c’è spazio anche per una staffilata di Di Francesco che il numero 1 di Cosmi controlla in due tempi.
Termina così 2-0 un match davvero piacevole e di fatto dominato in lungo e in largo dai rossoblù. A poco più di una settimana dall’inizio del campionato e nonostante una rosa ancora da perfezionare, il campo ha fornito risposte molto positive, sia sul piano del collettivo che su quello dei singoli, con i volti nuovi di Krejci, Verdi e Nagy in copertina. Il caso Diawara (da segnalare un coro contro di lui da parte della Curva Bulgarelli) non pare aver lasciato strascichi, e se si vuole ricercare in un avversario inferiore la motivazione di questa prova così convincente il discorso non regge. Per informazioni rivolgersi a L’Aquila e Pavia, che nelle estati passate trovarono sulla loro strada un Bologna ben diverso da quello visto stasera.

IL TABELLINO

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Krafth, Gastaldello, Maietta, Masina; Taider, Nagy, Pulgar (31 st Donsah); Verdi, Destro (39 st Brienza), Krejčí (18 st Di Francesco).
A disp.: Da Costa, Sarr, Cherubin, Mbaye, Oikonomou, Rossettini, Crisetig, Rizzo, Mounier.
All.: Donadoni

TRAPANI (3-5-2): Guerrieri; Fazio, Pagliarulo, Casasola; Balasa (46 st Barillà), Machin (35 st Ciaramitaro), Scozzarella, Nizzetto, Rizzato; Coronado, De Cenco (22 st Curiale).
A disp.: Farelli, Daì, Kresic, Crecco, Carissoni, Raffaello, Canotto, Fornito, Montalto.
All.: Cosmi

Arbitro: Di Bello di Brindisi
Ammoniti: 16’ pt Pulgar (B), 35’ pt Casasola (T), 7’ st Coronado (T)
Espulsi:
Marcatori: 42 pt Krejčí (B), 1 st Taider (B)
Recupero: 2’ pt, 3’ st
Note: 11.841 spettatori

© Riproduzione Riservata