Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Sono stanco, capo

Sono stanco, capo

Sono stanco, capo (‘Il miglio verde’, regia di Frank Darabont, 1999) – Sono stanco, capo. Non ‘del male che fanno gli uomini agli altri uomini’, ma del bene che Lei potrebbe fare e non fa. Sono stanco di dover sempre giustificare tutto, di continuare ad abbassare la tacchetta delle ambizioni, che in soli quattro anni ha già perso troppe posizioni. Sono stanco del nuovo stadio e della perenne minaccia pendente del derby col Mezzolara, perché forse sarebbe il caso di iniziare a dire che anche guardare la targa alla Spal non è che sia l’apice della felicità. Sono stanco dei giovani che devono crescere e dei troppo cresciuti che devono riprendere fiato e non possono fare novanta minuti, sono stanco perché tutti hanno un alibi e le uniche colpe da scontare cadono sulle spalle dei tifosi, che non hanno pazienza, non sono riconoscenti, non vedono al di là del loro naso. Sono stanco perché questa squadra non mi piace, non mi diverte, non mi rappresenta, e guardarla giocare per tutti e novanta i minuti sta diventando faticoso, e sono stanco perché non sono nemmeno libero di dirlo che subito vengo bollato come tifoso di Serie B.
Qui da cadetteria c’è solo una rosa costruita con le speranze e crollata sotto il peso dei fatti, e mentre Lei e il suo cerchio magico continuate a ripetere pigramente che sono solo turbolenze e fra poco passerà, qua l’aereo sta precipitando e a nessuno sembra importare. Sono stanco perché non aspetto la partita della squadra che amo da sempre con impazienza e il cuore che batte, la aspetto con paura e preventiva rassegnazione. Sono stanco e preoccupato perché sento che anche la paura sta lasciando spazio al niente, e non si faccia ingannare, il niente ha una forma molto più concreta del Suo nome. Si pianta nel petto, all’altezza del gagliardetto, ti chiede se ti ricordi quanto eri contento la prima volta che papà ti ha portato in curva e si sente rispondere che oggi hai la tentazione di spegnere la TV a venti minuti dalla fine. Sono stanco perché ho già visto due volte la B, sono stanco perché molti di quelli che si vantano di aver visto anche la C, di contro, hanno visto anche le coppe. Sono stanco come chi sta dormendo troppo senza sognare mai, che è semplicemente stare stesi, immobili e senza forze.

© Riproduzione Riservata