Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Countdown sereno

Countdown sereno

Mancano poche ore alla chiusura del calciomercato invernale, sessione nella quale, come tutti sanno, «non si fanno grandi affari».
Le squadre si costruiscono a giugno, vorrei consegnare la rosa quasi al completo al mister per il ritiro, aspettiamo però l’ultimo giorno di mercato perché potrebbero esserci le grandi occasioni e in ogni caso se serve qualcosa c’è il mercato di gennaio nel quale però non si fanno grandi affari perché le squadre si costruiscono a giugno.
Insomma, al momento abbiamo liberato delle caselle, due in attacco con le partenze di Floccari e Mounier, ed una in difesa per la partenza di Ferrari. Alla voce arrivi compare Petkovic e Juan Manuel Valencia, neopatentato sudamericano dietro al quale si mormora ci sia la Juventus.
Si mormora appunto, come si mormorava per Donsah. Questa volta, grazie ai surfisti del web, ci arriva un link di un giornale colombiano nel quale appare un virgolettato del presidente della squadra di provenienza che conferma i mormorii.
«
Óscar Ignacio ‘Nacho’ Martán explicó que veedores de la ‘Vecchia Signora’ se enamoraron del caucano en un Torneo de Las Américas y ahora que ya tiene la mayoría de edad lo van a comprar. El dirigente explicó que primero llegará a Bologna en condición de préstamo para que se adapte el fútbol europeo y por lo cupos extranjeros que ya tiene ocupados la ‘Juve’».
Fosse stato polacco non avrebbe capito nessuno.
La verità la scopriremo solo vivendo, se fosse così sarebbe piacevole come un calcio nelle palle con le scarpette di vernice, amen.
Il punto è che, se è vero che comprare per comprare non ha molto senso, è anche vero che speravo onestamente di non dover accendere ceri pasquali ogni sera a San Salutino per scongiurare altri stop a Destro e Maietta, due non proprio adatti al Vietnam.
Mi aspetto che «i nostri migliori acquisti sono i recuperi di Verdi e Sadiq» sia una frase già pronta da dare in pasto ai rotocalchi, anche se Sadiq è di nuovo in infermeria.
Un centrale e una punta.
Solo per serenità.
Quanto a Donsah, sposo la linea Donadoni che ultimamente mi pare più energico e determinato nelle dichiarazioni: è anche così che si cresce.
Aspettiamo le ultime ore e poi, comunque sia andata, concentriamoci su questo girone di ritorno che può vedere davvero il Bologna protagonista, perché anche se ovviamente migliorabile, i rossoblu possono crescere ancora e regalarci soddisfazioni. Verdi è davvero un rientro importante, Di Francesco è cresciuto molto e dopo la partita con la Lazio vuole dimostrare a Donadoni di essere pronto anche al sacrificio, spesso andando in chiusura sugli avversari. Lo stesso Pulgar è cresciuto, Donsah è in recupero come Marios e Krafth sta facendo bene. Certo, tutti loro sbagliano, sono giovani ed è normale, ma i progressi sono evidenti ed un intero girone senza ansie di retrocessione è esattamente quello che ci serve.

Insomma, una volta di più… Forza Bologna, sempre.

Bente

© Riproduzione Riservata