Anche il VAR subisce il fascino delle 'grandi', ma non cancella l'ottima prova del Bologna

Anche il VAR subisce il fascino delle ‘grandi’, ma non cancella l’ottima prova del Bologna

Ne parlavamo qualche giorno fa, gli incantesimi prima o poi si spezzano, e questa volta ci siamo andati davvero vicini. Un bel Bologna, forse il più bello di sempre della gestione Donadoni: Verdi giganteggia, Di Francesco è un furetto instancabile, Helander e Gonzalez annullano Icardi e Perisic. E ancora, Donsah, Poli e Pulgar sovrastano il centrocampo nerazzurro, mentre là davanti Brunone Petkovic fa a spallate con tutti, difende palla e dispensa sponde pregiate. E poco importa se qualche solone trova nei demeriti dell’Inter di Spalletti, comunque capolista almeno per una notte, la spiegazione ad una prova tanto importante. I rossoblù hanno iniziato il campionato con il piglio giusto, ma una squadra può definirsi davvero forte solo quando ha costanza di rendimento e risultati. Ora non traggano in inganno un paio di avversari sulla carta alla portata, è proprio in questi casi che si deve divorare l’erba del rettangolo verde, bisogna avere ancora più fame.
Un pensiero anche sul VAR. Personalmente non l’ho mai gradito più di tanto, a mio parere toglie spontaneità e naturalezza al gioco e in alcune circostanze può rivelarsi un’arma a doppio taglio. L’esempio lampante è quanto successo ieri al Dall’Ara, minuto 75: Mbaye, fino a quel momento impeccabile, purtroppo scivola e mentre cade va a sfiorare leggermente Eder che stava rincorrendo una palla ormai destinata al fallo laterale, e il brasiliano crolla a terra come investito da una valanga. “Un fallo di sfortuna”, anche questa abbiamo dovuto sentire dall’ex arbitro Graziano Cesari. Non esiste la sfortuna in questi casi, o è rigore o non è rigore, e questo non lo era. A che cosa è servito questo sofisticatissimo oggetto tecnologico di precisione? È stata una mazzata, perché senza quell’unico tiro interista, scoccato da Icardi, Bologna e la sua gente avrebbero finalmente rotto quel maledetto sortilegio e sconfitto una ‘grande’. Una ‘grande’ appunto, anche agli occhi del VAR.

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it