Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Il successo è sempre nel 'come'

Il successo è sempre nel ‘come’

Finiremo a quota 41, 42 o 44. E in ogni caso sarà un successo. Già, si chiede il marziano tornato solo ieri sulla Terra dopo esser decollato per impegni improcrastinabili a fine agosto, perché è stato un successo? Per la salvezza? No, signor Marziano, il successo è sempre nel ‘come’, dovrebbe saperlo anche nel suo pianeta privo, beato lei, di calcio e di esseri umani. È ‘come’ si è salvato il Bologna ad aver reso questa stagione la migliore degli anni Duemila. Ci si è salvati divertendoci. E questo dimostra ancora una volta che quando si sceglie un allenatore non si può mai farlo – almeno al livello che compete al Bologna – secondo un paradigma di ambizioni (che poi si disattendono) o di curriculum (che poi si sconfessano). L’unica variabile da tenere in considerazione suprema, almeno finché l’obiettivo sarà la soglia dei 40 punti, è il divertimento. Perché salvarsi a 40 col calcio di Mihajlovic è un godimento. Farlo con un calcio di sopravvivenza è uno stillicidio («In questo momento dobbiamo giocare per lo zero a zero», abbiamo pure sentito pochi mesi fa).
Nel calcio ispirato al divertimento abitano Verdi, Orsolini o Palacio, non Helander, Nagy e Krejci (per citare ecumenicamenre due terzine prese da Bigon). Quello che non si è perdonato a Saputo in questi quattro anni non è stato il numero esorbitante di sconfitte, ma l’assenza patologica di tracce di buon calcio, il rifiuto sistematico dello spettacolo, quasi che godere in una tribuna o nei distinti fosse diventata una pericolosa attività antidottrinale. E Mihajlovic ha fatto riscoprire un punto G segreto non solo perché vince più di quanto perde, ma perché nel farlo (in entrambi i casi, tranne che a Bergamo) fa divertire. Pertanto, sia lui o un altro ad abitare la panchina del Bologna il prossimo anno, non privateci più di questa variabile. Perché non tutti i 40 punti sono uguali. Scegliete attori giusti, non bravi. La Juventus si deve preoccupare di vincere, non il Bologna.

© Riproduzione Riservata