Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Maggiori investimenti? Niente di strano, lo aveva già detto Saputo

Maggiori investimenti? Niente di strano, lo aveva già detto Saputo

È abbastanza surreale il clamore generato dalle dichiarazioni rilasciate ieri in conferenza stampa da Claudio Fenucci, in particolare quelle sugli investimenti effettuati dal patron Joey Saputo negli ultimi quattro anni. Numeri, peraltro già sviscerati in numerose occasioni, che vanno semplicemente a delineare un percorso dove le risorse immesse sulla parte sportiva sono andate via via diminuendo dal 2015 ad oggi. Il che non significa che per la squadra non siano stati spesi soldi, perché 60 milioni netti non sono briciole di pane, e non significa nemmeno che non siano stati commessi errori, come ha ammesso tra una spiegazione e l’altra lo stesso amministratore delegato rossoblù.
L’accanimento da parte di alcuni verso la figura di Fenucci, testimoniato anche oggi dalle reazioni scaturite sui social, è divenuto oltremodo eccessivo, ma la realtà è che da Montreal il suo lavoro a Casteldebole è e sarà sempre giudicato con lucidità tenendo conto di ogni aspetto, non solo dei risultati ottenuti dalla squadra sul campo. La stima del presidente nei suoi confronti è sincera e va oltre il contratto che lega l’ex general manager di Lecce e Roma al club felsineo, un discorso che può essere esteso anche a Marco Di Vaio, recentemente nominato responsabile scouting per l’Europa. Un po’ diversa, invece, la situazione di Riccardo Bigon, che andrà in scadenza a giugno e la cui posizione verrà vagliata con attenzione nelle prossime settimane.
Anche se le parole dell’a.d. vengono spesso strumentalizzate e rigirate in maniera troppo facile (lo dice uno che in talune circostanze non ha lesinato critiche, importante è non inventarsi le cose), dando loro un senso piuttosto distante da quello reale, non esiste alcuna polemica interna tra Saputo e il suo uomo di fiducia, che ieri ha peraltro ribadito ‒ non per autoassolversi ma per rimarcare il concetto ‒ quanto già espresso a chiare lettere dal chairman nel suo videomessaggio del 9 gennaio: «Voglio assicurare ai nostri tifosi, ai media e ai nostri partner che il Bologna FC sta preparando un nuovo piano di investimenti per il futuro. Ho sempre detto che è mia responsabilità riportare la squadra a confrontarsi in competizioni internazionali. Questo è ancora il mio obiettivo, ma per raggiungerlo il piano deve cambiare. E cambierà». Più chiaro di così…

© Riproduzione Riservata