Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

L'esultanza di Riccardo Saponara dopo un gol all'Udinese

Se la parola sarà mantenuta, dopo la cessione di Diawara è lecito aspettarsi un colpo importante

Ora che è arrivata l’ufficialità lo possiamo dire senza alcuna paura: finalmente la telenovela Amadou Diawara (19) si è conclusa. A tal proposito va sottolineato come la strategia del Bologna di tener duro fino quasi a scatenare una sorta di asta, nonostante lo squallido teatrino inscenato dal ragazzo e dal suo entourage, abbia pagato e anche bene, considerati i 14 milioni più 1 di bonus che il club felsineo incasserà in quattro tranche dal Napoli. È vero che la vicenda si è protratta più del previsto e che ormai mancano pochi giorni alla fine del mercato, con la rosa che di fatto è già stata rimpolpata e necessita ‘solo’ di due o tre innesti per essere completata, ma è altresì vero che nel corso dell’estate la dirigenza rossoblù, per bocca dell’amministratore delegato Claudio Fenucci e del club manager Marco Di Vaio, ha spesso e volentieri lasciato intendere, se non addirittura dichiarato apertamente, che il ricavato della cessione del giovane regista guineano sarebbe stato reinvestito per acquistare altri calciatori.
Ovviamente non dipenderà soltanto dalla volontà del Bologna, che ha concordato con il Napoli un pagamento in più rate e che adesso dovrà a sua volta vedersi accettare la stessa modalità di pagamento da altre società, ma di sicuro gran parte della piazza è in attesa di un colpo con la C maiuscola, di un giocatore in grado anche da solo di fare la differenza. Lasciando per un attimo da parte i discorsi legati a Filip Helander (23), Vasilis Torosidis (31) e Umar Sadiq (19), tre ottime operazioni in procinto di essere ufficializzate, così come la voglia di vedere sul prato del Dall’Ara uno tra Giuseppe Rossi (29) e Mario Balotelli (26), con l’attaccante viola ad un passo dal Celta Vigo e quello del Liverpool che non ha ricevuto l’unanimità dei consensi all’interno della società felsinea, altri due nomi già accostati ai colori rossoblù nel recente passato e che nelle prossime ore potrebbero tornare d’attualità sono quelli di Riccardo Saponara (24) dell’Empoli e di Juan Manuel Iturbe (23) della Roma.
Affari possibili o semplici suggestioni? Difficile dirlo al momento, certamente però sarebbe bello che da parte del club venisse fatto un tentativo concreto per portare un profilo di questo tipo sotto le Due Torri. Per rinforzare ulteriormente la squadra, senza dubbio, e nel contempo per mantenere la parola data ai tifosi.

© Riproduzione Riservata