Ciao presidente: i protagonisti rossoblù ricordano per Zerocinquantuno il grande Giuseppe Gazzoni

Ulivieri vicepresidente federale. Gazzoni: “È una vittoria anche per Bologna”

Ha vinto anche Bologna, perché Renzo Ulivieri questa squadra e questa città le ha sulla pelle e nel cuore. Oggi è stato ufficialmente eletto vicepresidente della FIGC, e anche sotto le Due Torri si deve fare festa. Per quello che Ulivieri ha fatto sul campo, ma anche per quello che Ulivieri ha fatto in Federazione nel 2005. Come ci ha raccontato Giuseppe Gazzoni, che dopo essersi complimentato con Renzaccio ha voluto ricordare quello che successe quel giorno davanti a Franco Carraro, l’allora presidente: «Sono felice per Renzo, perché lui è stato e continua ad essere davvero un amico di Bologna e del Bologna. La competenza vince sempre, e Ulivieri è uno degli uomini più competenti del nostro calcio. A volte non lo riconosco, essendo diventato in certi momenti anche un po’ troppo politico, però è sempre l’uomo con cui io avevo instaurato un rapporto non solo di lavoro ma anche e soprattutto di grande amicizia. E poi Bologna deve sapere – continua Gazzoni − come si mise a combattere in quel giorno di agosto del 2005, quando si alzò in piedi e difese la mia causa e quella del Bologna, ritenendo che fossimo stati vittima di una grande ingiustizia. Ricordo che Carraro gli disse che lui era stato l’allenatore del Bologna, e Renzo gli rispose che era un uomo di calcio e che non poteva sopportare quello che era accaduto. Finora non l’avevo mai raccontato, ma è bene che la città sappia quello che Renzo fece anche in quei giorni per il Bologna, lontano dal campo. Ecco perché oggi, con la sua nomina a vicepresidente federale, io sono ancora più felice di averlo conosciuto e apprezzato, sia come allenatore che come persona».

© Riproduzione Riservata