Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Bologna, che carattere! Manganiello disastroso ma i rossoblù non si arrendono e la ribaltano

Bologna, che carattere! Manganiello disastroso ma i rossoblù non si arrendono e la ribaltano

Skorupski 6 – Quasi mai chiamato in causa, incolpevole sul gol e più sicuro del solito sui palloni alti.

Calabresi 6,5 – Sempre preciso e puntuale, una bella scoperta.
Danilo 6 – Non sempre perfetto sulle uscite ma organizza bene il reparto.
De Maio 5 – Corresponsabile in occasione del vantaggio bianconero, sbaglia spesso anche quando ha il pallone tra i piedi.

Mattiello 6,5 – Alcuni buoni inserimenti, un tiro pericoloso e l’assist per il gol di Orsolini.
Dzemaili 5,5 – Lo conosciamo bene e può dare molto di più. Tempi rallentati e poca visione periscopica. Poi la qualità si vede, ma solo a tratti.
Nagy 6 – Esilino come un fuscello, si batte con le armi che ha e dove può mette ordine.
Svanberg 7 – Migliore per distacco della mediana, va più volte al tiro e in qualche occasione anche vicino al gol. Gli negano un rigore grosso come le spalle del Ropero.
Krejci 5 – Fa passare Pussetto come la sbarra del Telepass.

Falcinelli 6 – Lavora per gli altri. Cosa che non sempre lo esalta e forse lo costringerà ad un ruolo da gregario, che però oggi assolve benissimo.
Santander 8 – Dirompente presenza a tutto campo, segna un gol alla Ibra per potenza e precisione (oltre che per l’esultanza). Sfiora il raddoppio nel finale.

Dijks (17′ st) 6 – Mette quella qualità e quell’attenzione che erano mancate su quella fascia fino al suo ingresso in campo.
Okwonkwo (30′ st) 6 – Entra bene nello spirito della gara anche a pochi istanti dalla fine.
Orsolini (34′ st) 8 – Compare a undici dalla fine al posto di Svanberg e decide la partita. Anche un palo al novantesimo. Finalmente incisivo dopo mesi di anonimato.

Inzaghi 6,5 – Un primo tempo in ambasce, poi la squadra esce e si impone. Ora la linea di galleggiamento è raggiunta.

Manganiello e assistenti 4 – Errore troppo grave quello del direttore di gara, che ribalta la VAR e non concede un rigore potenzialmente determinante sull’esito della partita.

© Riproduzione Riservata