A Crotone senza Destro, Keita e Nagy ma con il recupero di Dzemaili

È un Destro scintillante

Mirante 6 – Perlopiù inoperoso, qualche appannamento con l’uso dei piedi. 

Torosidis 6 – Che sia giornata fortunata lo dimostra il fatto che al primo minuto il suo angolo regalato all’Udinese genera l’azione del primo gol di Destro.
Gastaldello 6 – Nulla di allarmante, transita nella sua giurisdizione
Maietta 6 – Idem come sopra, la partita con meno pericoli dell’anno.
Mbaye 6,5 – Aggiunge, rispetto agli altri difensori, una dose di personalità maggiore.

Donsah 6,5 – Galoppa veloce sulla fascia nell’azione del primo gol, servendo una palla enigmatica ma propizia per l’intervento di Destro.
Viviani 6 – Né carne né pesce in una giornata in cui si può ottenere sufficienza e meriti grazie alla prova di tutti.
Taider 6,5 – Segna il 2-0 e tra tutti è il gol più pesante perché consegna agli spogliatoi un’Udinese ormai domata. Sfiora la doppietta dalla lunga distanza.

Verdi 7 – Assist alla Pirlo, gol in collaborazione con Danilo, due ammonizioni provocate (Halfredsson e Danilo). In formato azzurro.
Destro 7,5 – Due gol non ripagano una stagione grigia, ma bastano a riportarlo in testa alla classifica dei marcatori rossoblù ristabilendo l’ordine cosmico. Il terzo gol, splendido, annullato per fuorigioco.
Krejci 6,5 – Un gol di tacco annullato ma una partita ad alto livello per generosità e utilità.

Krafth (7’ st) 6 – Il compitino svolto bene.
Petkovic (30’ st) 6 – Non si unisce alla festa.
Oikonomou (42’ st) s.v. – Solo una presenza in più.

Donadoni 7 – Nell’emergenza indovina le giuste motivazioni, sfruttando tutte le lacune dell’Udinese. Obiettivo salvezza centrato: chi vuol esser lieto sia.

Arbitro Celi e assistenti 6,5 – Direzione senza alcuna sbavatura.

© Riproduzione Riservata