Fa tutto Dzemaili

Fa tutto Dzemaili

Mirante 6,5 – Ci mette sempre un rammendo, pur senza profondersi in parate impossibili.

Torosidis 5,5 – Nella sola mezz’ora che il fisico gli concede, lascia spesso spalancata la sua fascia.
Gastaldello 5,5 – Ammonito, prima di farsi sostituire per il riacutizzarsi di un problema muscolare. Non brilla nemmeno nei quaranta minuti in campo.
Maietta 6,5 – Sicuro come sempre, si permette il lusso a pochi minuti dalla fine di arrivare palla al piede nella metà campo avversaria.
Masina 6 – Alcune amnesie in copertura (sulle quali anche Di Francesco corre a intervenire) poi una gestione più matura e diligente.

Dzemaili 7 – Fino al suo gol (tiro preciso quanto si vuole, ma Cordaz pare un dolmen) il Bologna era solo chiacchiere e distintivo. Che il miglior calciatore in campo sia già una proprietà del Montreal Impact ci deve far riflettere.
Viviani 5 – Errori a ripetizione e calci piazzati ininfluenti.
Nagy 6 – Giocate sempre sapide. Anche senza rifulgere fornisce quel necessario chiarore alla manovra notturna e involuta del Bologna.

Krejci 5,5 – Solo un bel tiro al volo e molta corsa a vuoto.
Destro 5 – Se i palloni giocati sono pochi e i movimenti pericolosi ancora meno, c’è solo da sperare in Petkovic, anche con spalla infortunata. Un gol sprecato in apertura poi il nulla cosmico. A parte una buona unica giocata al servizio di Dzemaili, che spreca il 2-0.
Di Francesco 6 – Pur risultando di rado pericoloso, quando si innesca dà sempre l’impressione di esser vivo. Che non è poco, nello zero catatonico di Crotone.

Krafth (31’ pt) 6,5 – Interpreta bene il ruolo da subentrante nel peggior momento del Bologna.
Oikonomou (41’ pt) 6 – Nessun danno stavolta.
Pulgar (41’ st) s.v. – Solo la presenza.

Donadoni 6 – Un primo tempo molto brutto, quasi triste, poi la rete di Dzemaili che cambia le carte in tavola, inerzia della partita e risultato. 23 punti con una partita ancora da recuperare.

Arbitro Gianpaolo e assistenti 6 – Conduzione senza nessuna sbavatura.

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it