Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Prestazione indecente del Bologna sotto gli occhi di Saputo. Fischi per i rossoblù

Mirante, 6: Un paio di interventi semplici poi la fa quasi da spettatore – Oikonomou, 5: Fare il terzino non è roba per il greco. Questi esperimenti di Donadoni lasciano perplessi – Rossettini, 4: Si vede dai primi minuti non essere attento, un paio di interventi a vuoto fanno suonare il campanello d’allarme. Gravissimo il rigore al 93’ che regala la vittoria al Torino – Maietta, 6: In alcune circostanze se la cava bene ma commette anche altrettanti errori che ne abbassano il voto – Constant, 4: Se fosse fuori forma sarebbe quasi meglio perché se questo è il suo rendimento standard c’è di che preoccuparsi.

Taider, 4,5: Azzecca un pallone in 80’ di gioco, un passaggio millimetrico per Giaccherini che al volo tira sul palo esterno – Diawara, 6: Primo tempo sugli scudi, nella ripresa il crollo – Brienza, 5,5: Costretto in un ruolo non suo si sacrifica come meglio può ma l’errore è di Donadoni che lo tiene sempre troppo distante dalla porta avversaria.

Rizzo, 5,5: Non ci dispiace anche se rispetto Roma è un passo indietro. Viene sostituito dopo appena 45’ di gioco – Floccari, 4: Gol di Sassuolo a parte, una vera e propria delusione. La speranza è di non vederlo più in rossoblù la prossima stagione – Giaccherini, 4: Sbaglia un gol piuttosto semplice poi gioca a nascondino.

Zuniga, 5: Una discesa palla al piede poi accusa il calo generale della squadra, solo che il colombiano gioca appena 45 minuti.

Masina, 5: In parabola discendente da quasi un girone.

Brighi, ng.

Donadoni, 4: Basta parlare di Nazionale, si concentri sulla quotidianità di Casteldebole dove ultimamente sta stentando e non poco. C’è una salvezza da conquistare e il Bologna di oggi non ce la farebbe. Superficiale. Se non sta bene sotto le due torri, si accomodi, altrimenti renda nota la volontà di restare una volta per tutte senza girarci attorno.

© Riproduzione Riservata