Convocati: sia Mirante che Mbaye presenti all'appello

Quarta sconfitta di fila di cui tre al Dall’Ara, stimoli azzerati

Da Costa 6,5 – Solo quando l’Inter si presenta a porta vuota viene battuto.

Mbaye 6,5 – Sarà una coincidenza, ma quando esce dal campo, il Bologna comincia ad arretrare il baricentro e infine capitola.
Torosidis 5,5 – Litigioso con l’arbitro, fallisce il gol dell’1-1 mirando ad Handanovic anziché allo specchio libero.
Oikonomou 5,5 – Il traversone per Gabigol gli passa sotto, come pure la palla che in apertura di gara poteva portare in vantaggio l’Inter con Palacio.
Masina 5,5 – Dov’è Masina sul gol? Nessun lo sa. Attacca lite con Gabigol nel finale, ma viene graziato.

Dzemaili 6 – Attacca gli spazi e si rende pericoloso, ma non decisivo.
Pulgar 5,5 – Gioca, tiene la posizione, non è una prestazione disastrosa, ma poco incisiva.
Nagy 5 – Impalpabile come lo zucchero a velo.

Verdi 5,5 – Due punizioni fuori misura e pochi suggerimenti invitanti per i colleghi.
Petkovic 5,5 – Come Destro, fatica a trovare spazi liberi e va a sbattere contro i suoi marcatori. Una per tutte: non vince mai un duello aereo con Medel, di 20 centimetri più basso.
Krejci 6 – Con riserva. Dell’attacco è senza dubbio il migliore. Ma beati monoculi in terra caecorum, direbbero Seneca e amici.

Krafth (19’ st) 5,5 – Poteva coprire meglio Gabigol, in un’azione già compromessa da dimenticanze altrui.
Taider (21’ st) s.v. – Non valutabile
Di Francesco (38’ st) s.v. – Fresco di convocazione in nazionale, non può nulla ormai a risultato acquisito.

Donadoni 5,5 – Quarta sconfitta di fila e l’impressione che le cose non cambieranno molto, da qui a fine stagione. Salvezza in tasca, ma pochi stimoli. Una minima reazione rispetto alle ultime uscite, comunque, s’è apprezzata.

Arbitro Mazzoleni e assistenti 5,5 – Un errore importante lo commette quando Dzemaili a limite area prende un calcione crollando a terra. Forse era rigore, sicuramente punizione dal limite, ne è uscito un nulla di fatto.

© Riproduzione Riservata