Si attendeva la reazione, sono arrivati i fischi

Si attendeva la reazione, sono arrivati i fischi

Da Costa 6 – Immola le sacre gonadi a un tiro di Deulofeu nel primo tempo, e già da lì capisce che è tempo di correre ai ripari. Sul gol copre giustamente il primo palo, ma non fa il miracolo che servirebbe.

Krafth 6 – Nelle rare incursioni con cui il Bologna ha provato a vincere la partita, c’è la sua firma.
Maietta 5 – Scherzato da Deulofeu nell’azione che determina la sconfitta, insufficienza inevitabile.
Gastaldello 6 – Sacrificato e sostituito per far spazio alle legittime ambizioni di vittoria di Donadoni, che lo toglie per un attaccante, Petkovic.
Mbaye 6,5 – Chiamato così poche volte in causa, sforna invece prestazioni dignitose, quasi sempre. Anche oggi.

Dzemaili 5,5 – Conquistata la vetta come miglior cannoniere di squadra, lì s’è fermato. Arriva tardi all’appuntamento col gol in più di una occasione. Almeno fa espellere Paletta.
Pulgar 5,5 – Sì l’ordine, va bene. Ma ogni tanto bisogna anche mordere. Altrimenti non diventerà mai un Diawara, o anche solo la sua metà.
Nagy 5 – Apre le gambe davanti a Deulofeu, subisce il tunnel e favorisce il tap-in decisivo di Pasalic. Non che prima avesse fatto tanto meglio, se non concorrere all’espulsione di Kucka.

Verdi 5 – Qualche apertura illuminante dimostra che il piede, sotto la coltre dell’infortunio, c’è eccome. Ma troppi errori ne condizionano il rendimento.
Destro 4,5 – Una partita a rincorrere l’ombra di se stesso. «Vorrei tornasse quello che era a Roma», si augurava Fenucci nel pomeriggio, alla conferenza stampa dello sponsor FAAC. Ecco, in quell’augurio c’è tutto il Destro di oggi.
Krejci 5,5 – Gli assist van benissimo, per carità. Sian benedetti. Ma quando arriverà un suo gol? Sempre i soliti errori sotto porta (clamorosa la palla sparata su Donnarumma) quasi a voler dire: oh, io qui servo palloni, mica li butto dentro.

Petkovic (17’ st) 5 – Un corpo estraneo, per ora.
Torosidis (32’ st) s.v. – Poco da dire.
Viviani (35’ st) 5 – Osserva come un re magio l’accorrere della cometa Pasalic.

Donadoni 5 – Ha provato a vincerla, ma i suoi non l’han seguito. Tatticamente, era giusto togliere un difensore per un attaccante. Ma se l’attaccante è questo Petkovic e i giocatori pensano ad altro, il risultato non deve sorprendere.

Arbitro Doveri e assistenti 6,5 – Tutto a favore del Bologna, peraltro giustamente, non si poteva chiedere di più.

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it