Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

La scelta giusta

La scelta giusta

Niente da fare, la vita ti riserva ogni giorno qualcosa che non ti aspetti, nel bene e nel male. Solo che nel primo caso non te ne accorgi, lo dai per scontato, nel secondo te ne accorgi eccome, purtroppo, e fatichi a reagire, a trovare le parole anche solo per raccontarla a te stesso, figuriamoci per chi poi deve prendere delle decisioni tra sentimento e professione.

Ecco, a mio avviso il Bologna ha percorso la strada giusta, la più logica, non venendo meno ad entrambe le situazioni, riuscendo a star vicino ad un uomo in momentanea difficoltà, e non togliendo alla squadra quel patrimonio – non solo tecnico-tattico – che Sinisa ha confezionato la scorsa stagione e che potrebbe sublimarsi in questa.

Uno staff così affiatato, un gruppo così unito, dove i nuovi arrivi non potranno far altro che trovarsi bene, non andava smantellato per la contingenza di un momento di difficoltà: quello si supera, e chi meglio di Mihajlovic lo ha dimostrato?

Quindi, bene ha fatto la società a non avere indugi nel confermare non solo la vicinanza umana al mister, ma proprio nel lasciargli la conduzione della squadra unitamente al suo staff: lavoreranno magari con qualche procedura diversa dal convenzionale, ma basterà trovare gli equilibri giusti e l’andamento generale potrebbe non risentirne (anche se adesso questo aspetto non è che interessi più di tanto, rispetto a quello umano).

Come dicevo in apertura, i dirigenti hanno dovuto affrontare anche questo tipo di dualismo tra l’aspetto umano e quello lavorativo: non ha prevalso né il primo né il secondo, ha vinto il buonsenso.

Forza Sinisa e forza Bologna!

Tosco – Radio1909

© Riproduzione Riservata