Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Palacio e altri dieci

Palacio e altri dieci

Perché questa affermazione? Perché in tanti s’interrogano su come potrà giocare il Bologna a Firenze, se con Santander o con Palacio.
Partiamo allora da queste immagini relative al match contro il Chievo.
Nella 1 vediamo Rodrigo largo a sinistra lasciare il varco centrale per l’inserimento di Sansone (azione che si concluderà con il gol annullato a Orsolini).

Immagine 1

Nella 2 lo vediamo in posizione centrale spalle alla porta chiudere di tacco un triangolo per Orsolini (tiro fuori di un soffio).

Immagine 2

Nella 3, sull’unico errore di lettura della difesa del Chievo, si trova largo a destra in campo aperto per andare al tiro (respinta da Sorrentino).

Immagine 3

Nella 4 è largo a sinistra contro la difesa schierata per rientrare sul destro e concludere a rete (miracolo di Sorrentino).

Immagine 4

Nella 5 si posiziona sul vertice dell’area insieme a due compagni per creare superiorità numerica (azione che poi porterà al fallo da rigore su Soriano).

Immagine 5

Nella 6 accompagna Sansone nella ripartenza che porterà il numero 10 a procacciarsi il secondo penalty.

Immagine 6

Nella 7 si posiziona al centro dell’area in occasione del gol di Dijks, per ricevere un cross o ribattere a rete un’eventuale deviazione del portiere.

Immagine 7

Quindi, banalmente, la mia conclusione è scontata: oggi il problema, semmai, è con chi deve giocare Palacio.
Facendo il centravanti all around, con lui possono giocare tutti. E non mi parlate di falso 9 che mi vengono i brufoli, è una roba che non si può sentire! Quello è un ruolo che potrebbe ricoprire un centrocampista (discorso lungo…), ‘El Trenza’ è un attaccante vero. Lui, eventualmente, si farà trovare nelle posizioni più consone.
Sta a Mihajlovic capire chi convenga tenere fuori almeno all’inizio: questo Palacio non può stare a sedere, se non per scelta fisica.

Tosco – Radio 1909

© Riproduzione Riservata