Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Rassegna stampa 01/07/2018

Rassegna stampa 01/07/2018

REPUBBLICA

CIERREBI E DALL’ARA, TUTTI I DUBBI DEL COMUNE: MORAL SUASION SUL GRUPPO MACCAFERRI

Per il momento il progetto del nuovo supermercato al Cierrebi, legato a quello del Dall’Ara, è bloccato in un rimpallo tra gli uffici tecnici del Comune e la proprietà. Palazzo d’Accursio sta applicando alla lettera il RUE (Regolamento Urbanistico Edilizio) per ottenere in realtà un risultato diverso: esercitare una moral suasion per convincere la SECI di Maccaferri, che ha acquistato l’area, a rivenderla. Magari alla Fondazione Carisbo che in passato aveva mostrato interesse. L’amministrazione vuole evitare che i cittadini del quartiere vedano sorgere un supermercato al posto della piscina, mentre non ci sono certezze sul futuro del Dall’Ara. Forse già la prossima settimana il Bologna presenterà in Comune il progetto di restyling dello stadio curato dall’architetto Zavanella. Ma un semplice progetto ormai non basta più, serve un complessivo piano tecnico di sostenibilità finanziaria: le altre aree coinvolte nel progetto, il Cierrebi e i Prati di Caprara, si sono rivelate due polveriere dal punto di vista del consenso, anche elettorale.

CORRIERE DI BOLOGNA

«SKORUPSKI È UN LUSSO. MA A BOLOGNA DEVE LAVORARE E IMPARARE A ESSERE UMILE»

Corsi, presidente dell’Empoli che lo ha lanciato in Italia, è sicuro: «Lukasz ha potenzialità tecniche e fisiche straordinare, ma anche un limite altrettanto importante. O quantomeno lo aveva quando era a Empoli: la presunzione. Deve imparare a mettersi più in discussione. È un anno che non lo vedo e non lo sento, forse ha imparato. In quel caso sarebbe un portiere da squadra di vertice, un lusso per il Bologna. Sono curioso di rivederlo in campo con continuità».

CORRIERE DELLO SPORT – STADIO

È FATTA PER PINATO, MA IL BOLOGNA DEVE PRIMA CEDERE UN MEDIANO

In settimana incontro con l’entourage del centrocampista per definire i dettagli del suo approdo a Bologna. L’accordo con il Venezia c’è, tutto è definito, ora si aspetta che in mediana esca qualcuno per poter inserire un nuovo innesto. La mezzala di scuola Milan è uno dei giocatori indicati da Inzaghi per il prossimo campionato, la società vuole accontentare il tecnico.

PER LA FASCIA OCCHI PUNTATI SU RISPOLI

Il Bologna monitora altri profili nel caso non riuscisse a chiudere per Mattiello. Oltre a Beghetto, Donati e Letizia si tiene d’occhio Andrea Rispoli, in uscita dal Palermo ma sondato pure da Cagliari e Genoa.

RESTO DEL CARLINO

BAZZANI: «SENZA VELENO CON INZAGHI FAI POCA STRADA. DESTRO? DOVRÀ DARE IL MASSIMO»

Intervista all’ex attaccante di Lazio e Sampdoria, oggi vice di Serse Cosmi ad Ascoli: «Un po’ sono di parte, perché siamo amici. Ma è sotto gli occhi tutti che il Venezia lo scorso anno in B sia stata la squadra che, in rapporto alla qualità dei calciatori, ha giocato il calcio più organizzato. Perché questo è Pippo: veleno e organizzazione. Se in te calciatore non vede quella voglia di bruciare l’erba che aveva lui quando giocava stai fuori, poco ma sicuro. Destro? Mattia ha una grande opportunità per rigenerarsi, ma gli basterà guardare come giocavano le due punte del Venezia per capire che se il finalizzatore si limita ad aspettare il pallone là davanti con Inzaghi ha poca fortuna».