Rassegna stampa 02/10/2017

Rassegna stampa 02/10/2017

CORRIERE DELLO SPORT – STADIO

ETERNO PALACIO

Non solo gol, ma anche classe e spirito di sacrificio: così l’attaccante argentino si è preso il Bologna. Donadoni lo ha elogiato dopo la rete di Marassi, dove ha dimostrato di essere in grande forma.

VERDI VA DI CORSA, IL MONDIALE NEL MIRINO

Il fantasista rossoblù vuole sfruttare le due sfide della Nazionale per impressionare il c.t. Ventura.

SAPUTO DAL PAPA: «A BOLOGNA SI PUÒ»

Al Dall’Ara una domenica senza calcio e un incontro particolare con Papa Francesco. Il presidente: «Non rivelo che cosa ci siamo detti, è stato un discorso spontaneo». L’emozione in un pomeriggio storico: «Noi dal Canada, lui dall’Argentina e l’incontro in Emilia. Che felicità!».

Per i rossoblù è un momento positivo: «Sabato sono arrivato tardi e non sarei riuscito ad andare a Genova, quindi ho guardato l’incontro da Bologna. Inutile dire che quando si conquistano tre punti fuori casa è sempre una grande partita. Anche se abbiamo sentito cose non positive, abbiamo un obiettivo. Sappiamo dove vogliamo andare, e dunque le critiche non ci disturbano. Certo, ora siamo davvero molto contenti».

RESTO DEL CARLINO

MBAYE È SEMPRE L’ULTIMA SCELTA?

Il senegalese ha giocato appena 15 partite nella stagione 2015-2016 e 16 nell’ultima. Ora è già a quota 5 (3 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta), ma la sensazione è che Donadoni continui a considerarlo solo in situazioni di emergenza. Nonostante le cifre e il rendimento, anche quest’anno sembra destinato a partire dietro a tutti gli altri.

ZAULI INCORONA PALACIO E IL BOLOGNA

L’ex trequartista rossoblù: «Rodrigo è un giocatore di spessore, carisma ed esperienza, serve come il pane a una squadra di ventenni. Due anni fa pesò tanto il contributo di Giaccherini, nello scorso campionato quello di Dzemaili, ora è arrivato lui e sta facendo la differenza».

Sulla squadra: «Questa bella partenza non mi ha stupito, vedo grande positività e credo sia giusto non porsi limiti».

Foto: bolognafc.it