Rassegna stampa 01/06/2017

Rassegna stampa 05/05/2017

Corsie difensive obbligate contro l’Empoli. Mercato, per l’attacco si guarda al Sudamerica ‒ A due giorni dalla gara con l’Empoli, l’infermeria continua a rimanere in primo piano in casa rossoblù. Partendo dalla difesa, Vasilis Torosidis e Adam Masina sono ancora i box, per cui al Castellani le fasce dovrebbero essere appannaggio di Emil Krafth e Ibrahima Mbaye. In regia, scontata la squalifica, è atteso il rientro di Erick Pulgar, in un reparto che dovrebbe essere completato da Saphir Taider e Godfred Donsah, con Federico Viviani che tornerebbe dunque in panchina. In avanti, conferma in vista per il tridente formato da Simone Verdi, Mattia Destro e Ladislav Krejci. Difficile il recupero a pieno regime di Federico Di Francesco e Filip Helander, che comunque ieri hanno svolto lavoro differenziato con carichi crescenti.
Potrebbe seguire la squadra ad Empoli, ma di sicuro non sarà della gara, Blerim Dzemaili, atteso ormai da un giorno all’altro a Montreal. Il tecnico degli Impact Mauro Biello ha recentemente sottolineato che «il suo impatto sarà paragonabile a quelli di Drogba, Di Vaio e Piatti», mentre secondo il capitano dei canadesi Patrice Bernier «la sua mente sarà più libera, non avendo vissuto il difficile inizio di campionato con noi». Per lui, in Canada, tre anni di contratto a 2,5 milioni netti a stagione. Il centrocampista, a quanto pare, vorrebbe congedarsi da Bologna con una conferenza stampa, soprattutto per ringraziare la piazza felsinea, ma resta ancora da capire se i tempi tecnici permetteranno questo appuntamento: la sua ultima gara con la numero 31 è dunque destinata a rimanere quella del 22 aprile contro l’Atalanta. In totale Dzemaili ha disputato 31 partite su 34 in campionato (più 2 di Coppa Italia), per un totale di 9 reti, 3 assist, 10 ammonizioni e 1 espulsione.
Altro tema caldo in casa rossoblù è il mercato. Partendo dall’attacco, le ultime reti – ormai è chiaro – hanno rinsaldato il rapporto tra Destro e il Bologna. Finora il numero 10 ha comunque avuto la leadership del reparto, ovvero non sono mai stati acquistati giocatori in grado di scatenare chissà quale concorrenza. A meno di clamorose novità, Destro resterà sotto le Due Torri per il terzo anno (il suo contratto scade nel 2020), ma la società metterà a disposizione di Donadoni un attaccante che sappia sostituirlo in caso di necessità e anche di giocare al suo fianco, allargando così le possibilità di scelta per il tecnico. Verrà dunque aggiunta qualità ad un settore in cui Bruno Petkovic avrà la possibilità di crescere con tranquillità. Di nomi sul taccuino ce ne sono un paio, considerato che il collaboratore del d.s. Riccardo Bigon, Maurizio Micheli, è già in Argentina per valutare alcuni profili. Ci sono Dario Benedetto (26) del Boca Juniors e Rogelio Funes Mori (26) del Monterrey, ma potrebbe poi tornare d’attualità anche il nome di Jonathan Calleri (23) del Deportivo Maldonado, seguito già in passato dal Bologna e attualmente al West Ham in prestito.
Nelle prossime settimane Bigon potrebbe incontrare anche il neo uomo mercato della Roma Monchi per parlare del futuro di Umar Sadiq. A Casteldebole si continua a credere che il giocatore abbia potenzialità, ma la sua conferma a Bologna potrà avvenire solo se i giallorossi abbasseranno le pretese. Il club di Joey Saputo sembra comunque disposto a chiedere una sorta di indennizzo rispetto al milione già speso, anche perché il centravanti nigeriano ha dovuto fare i conti con diversi guai fisici, magari facendosi rinnovare il prestito per un’altra stagione. Se la Roma accettasse, dovrebbe ovviamente dare il suo assenso anche il ragazzo: al momento sembra più facile che i giallorossi possano offrire ai felsinei un altro giocatore da far crescere. Lo stesso discorso va fatto per Viviani, posto che tra Bigon e il Verona c’è comunque un rapporto più stretto. Il Bologna, ad esempio, ha già anticipato a gennaio il riscatto che avrebbe dovuto corrispondere a giugno per Filip Helander. Se, rispetto ai 5 milioni attuali, il Verona ridurrà la cifra per il regista classe 1992, i rossoblù potrebbero pensare di confermarlo.
Infine, è iniziata la prevendita per la gara con la Juventus, attualmente in calendario per domenica 28 maggio. Già 20 mila le presenze certe, tra abbonamenti e biglietti venduti, esauriti i settori Curva Bulgarelli e Kid’s Stand. La data della partita, previo accesso alla finale di Champions League da parte dei bianconeri, potrebbe però essere modificata e anticipata al sabato o al venerdì. Anche per il match casalingo con il Pescara del 14 maggio, infine, è già stata superata la soglia del 20 mila spettatori.