Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Rassegna stampa 22/11/2018

Rassegna stampa 22/11/2018

GAZZETTA DELLO SPORT

CALABRESI ORA VA IN SCENA: «NIENTE FILM, SOLO CALCIO»

Il difensore è figlio dell’attore Paolo: «Recitai in Boris. Divertente, ma penso solo al pallone. Bologna è l’ideale, mi iscriverò all’università. Ero una mezzala, facevo sempre gol. Per il calcio mollai una fidanzatina… Scudetto a Bologna o Oscar a papà? Non mi parlerà più, ma scelgo il primo…».

RESTO DEL CARLINO

CALABRESI: «GRAZIE BOLOGNA. E QUELLA VOLTA IN CUI LASCIAI LA MIA FIDANZATA PER IL CALCIO…»

Intervista al giovane difensore rossoblù, rivelazione di questa prima parte di stagione: «Sono cresciuto con l’amore per la Roma, a cinque anni andavo allo stadio con mio padre e i miei idoli erano Batistuta e Montella. Loro mi hanno supportato in tutto, ma alla fine è stato il Bologna a credere in me. Non avevo la certezza di restare in rossoblù, ho solo cercato di dare il massimo quando Helander e Gonzalez erano assenti per il Mondiale. Contro il Sassuolo ho concesso un rigore ingenuo, ma sapevo che prima o poi avrei potuto commettere un errore. Non mi lascerò condizionare da questo, gioco in Serie A e può capitare. Abbiamo molti margini di miglioramento, se guardassimo alla classifica faremmo un errore. Subiamo troppi gol, è vero, ma me lo spiego così: all’inizio facevamo molta fatica a segnare, ora abbiamo privilegiato la fase offensiva e ne stiamo soffrendo in difesa. Dobbiamo trovare un equilibrio».

REPUBBLICA

LAZAROS: «QUELLA RETROCESSIONE FA MALE. GUARALDI E PIOLI, ECCO COME ANDÒ…»

Parla Christodoulopoulos, decisivo contro la Fiorentina nel 2013: «Un bel gol, una vittoria importante e il presidente che dopo la partita corre negli spogliatoi ad abbracciarmi. La retrocessione dell’anno successivo fa ancora male: quella squadra non se lo meritava, tanti episodi ci girarono a sfavore. Ma la società sbagliò a non sostituire Diamanti. Pioli? Non lo abbiamo boicottato, avevamo dato tutto affinché rimanesse. All’inizio il mio rapporto con lui era ottimo, poi qualcosa è cambiato. Forse cambiava idea troppo spesso perché soffriva la situazione incerta, ma facendo così il rapporto coi giocatori si rovina».

CORRIERE DELLO SPORT – STADIO

FA UN CALDO BOIA

Inzaghi chiama, la città risponde: 25 mila tifosi al Dall’Ara per la sfida con la Fiorentina. E arriva anche Saputo. Il presidente è atteso tra domani e sabato. Il tecnico rossoblù, anche in caso di sconfitta, non rischia di essere esonerato.

CORRIERE DI BOLOGNA 

DALLE ANDE ALL’APPENNINO. IL DERBY ASPETTA I NAZIONALI

Inzaghi riabbraccia Santander, in gol con il Paraguay, e altri 11 giocatori.