Rassegna stampa 27/05/2018

Rassegna stampa 27/05/2018

REPUBBLICA

GAZZONI: «MA QUALI CRITICHE, IO UNO COME SAPUTO LO RINGRAZIERÒ SEMPRE»

L’ex patron del Bologna commenta la conferenza stampa dell’attuale numero uno rossoblù: «Io la definirei frutto di una cultura tipicamente americana, che per mille ragioni conosco bene. E che condivido. Gli americani e i canadesi sono fatti così: sono pragmatici, hanno una visione imprenditoriale ben precisa, e da quella non si discostano. Certo, noi siamo italiani, vorremmo ascoltare proclami, invece lui parla di budget, di piano triennale concluso, e del prossimo che è alle porte. Saputo ha una cifra molto moderna, che non solo non mi spaventa, mi affascina. È un presidente che va ringraziato, merita gratitudine eterna. Anche dopo tre anni? Certo, altrimenti chissà dove saremmo a quest’ora».

RESTO DEL CARLINO

BOLOGNA, DALL’USATO SICURO AL NUOVO CHE AVANZA

dopo aver esonerato Diego Lopez nel maggio del 2015, il patron Joey Saputo si è affidato prima all’esperienza di Delio Rossi prima (378 panchine in Serie A), poi a quella di Roberto Donadoni (326 partite da tecnico nel massimo campionato). Adesso si punta tutto sugli emergenti, su quei profili che hanno fame di arrivare. E dopo Davide Nicola (76 gare in A), la lista si è allungata a Roberto De Zerbi (41), Filippo Inzaghi e Leonardo Semplici (entrambi a quota 38).

CORRIERE DI BOLOGNA

FUOCO E FIAMME CON PIPPO. CEDERE VERDI E MASINA PER FINANZIARE IL MERCATO

La partita della panchina sarà quella che caratterizzerà inevitabilmente i prossimi giorni. L’attuale tecnico del Venezia è l’uomo che a Casteldebole ha incontrato il gradimento quasi unanime dello staff dirigenziale e del chairman rossoblù. Attenzione anche al mercato, con Verdi (su cui Saputo ha dato poche speranze di permanenza) in uscita insieme a Masina: sul numero 9 continua il pressing di Inter e Roma, che nei prossimi giorni potrebbero sferrare l’attacco decisivo.

CORRIERE DELLO SPORT – STADIO

L’ARGENTINO GONZALEZ, BAHOKEN E PURE LASAGNA

Il club da Verdi incasserà 22 milioni e finanzierà il mercato: dall’attacco alla difesa. L’Argentinos Juniors per la punta classe ’98 chiede 10 milioni. Ieri è spuntata anche la pista di Stéphane Bahoken, 25 anni, franco-camerunese che gioca nello Strasburgo. Intanto Lasagna è pronto a lasciare Udine: Bologna sembra essere la destinazione più gradita.