RS, 01/04/2017

Ultimi ballottaggio anti-Fiorentina: resta confermato il modulo con la difesa a tre? – Restano le ultime 24 ore per varare il Bologna che domani al Franchi, sotto gli occhi del chairman Joey Saputo, affronterà la Fiorentina e andrà a caccia di continuità dopo gli ultimi due successi. Il primo punto interrogativo da sciogliere resta il modulo, e il 3-5-2 sembra per ora favorito. In questo caso, con Maietta e Gastaldello, toccherà ad uno tra Oikonomou e Torosidis. Per quanto riguarda le corsie esterne, c’è anche l’ipotesi che Donadoni si affidi da una parte a un giocatore con caratteristiche più difensive’ e dall’altra ad uno in grado di garantire più spinta. In ogni caso, a destra sono in lizza Mbaye, Krafth e Di Francesco per la soluzione più offensiva, a sinistra Masina e Krejci, fermo restando che lo stesso Torosidis, sulla carta, può essere utile su entrambe le corsie. In mediana, certo Dzemaili, per la cabina di regia lasciata vuota dalla squalifica di Pulgar se la giocano Viviani e Nagy, con l’ungherese in ballottaggio anche per l’altra maglia di interno con Donsah e Taider. In caso di 3-5-2, la coppia d’attacco dovrebbe essere formata da Destro e Verdi.
È atteso dunque in queste ore in città anche Joey Saputo, che si fermerà poi a Bologna fino a martedì o mercoledì. Tra i temi in agenda anche il punto della situazione sul progetto di restyling del Dall’Ara, dopo che, peraltro, lo scorso giovedì l’a.d. Claudio Fenucci aveva incontrato l’amministrazione comunale. Al momento incontri ufficiali tra Saputo e il sindaco Merola non sono in agenda, ma nelle prossime ore qualche contatto con il Comune non si può escludere. Restando al tema infrastrutture, lunedì verrà presentata la nuova ala della palazzina del centro tecnico di Casteldebole, circa duemila metri quadrati riservati ad area tecnica e Prima Squadra con spogliatoi dedicati. Solo una prima tranche di lavori, che proseguiranno poi con l’ampliamento e l’ammodernamento della palestra.
C’è poi da valutare il futuro di Dzemaili, ovvero quando il centrocampista approderà agli Impact: le ipotesi sono l’addio a maggio o a luglio, e a quanto pare il numero 31 rossoblù gradirebbe finire la stagione in Italia assieme agli attuali compagni. Nei prossimi giorni il d.s. Riccardo Bigon e il suo staff inizieranno a valutare i profili del possibile sostituto del nazionale svizzero. Infine non sembrano ancora maturi i tempi del rinnovo del contratto di Roberto Donadoni. Il presidente e il tecnico, ovviamente, in questi giorni si vedranno e parleranno: l’idea di prolungare il matrimonio fino al 2019 o al 2020 è più che mai viva, ma il tutto potrebbe essere discusso solo a campionato concluso.