RS, 04/03/2017

RS, 04/03/2017

Ancora tanti dubbi per l’undici anti-Lazio. E Donadoni bacchetta i giocatori per l’allenamento di giovedì ‒ Con il rientro a pieno regime di Domenico Maietta, che ieri si è regolarmente allenato in gruppo, continua a prendere forma il Bologna che domani sera affronterà la Lazio. O meglio, prende forma la difesa, che insieme all’ex Verona vedrà Ibrahima Mbaye a destra, Adam Masina a sinistra e Marios Oikonomou a completare il pacchetto dei centrali. Dovrebbe quindi partire dalla panchina Filip Helander, che peraltro alla Lazio ha già segnato due gol in tre partite. Per il resto, continua a rimanere più di un nodo da sciogliere, a partire dal modulo. Lo schieramento base resta il 4-3-3, ma contro il Genoa domenica scorsa si è visto il 4-2-3-1 ed è un’ipotesi anche il 4-3-1-2, con Mattia Destro e Bruno Petkovic in avanti. In realtà, stando a quanto filtra, di esperimenti in questi giorni ne sono stati fatti, compreso quello della difesa a tre con Maietta, Oikonomou e una fra Helander o Dzemaili. Domani Ladislav Krejci dovrebbe avere un turno di riposo, mentre in mediana scalpitano per un posto Saphir Taider e Godfred Donsah.
Da registrare ci sono anche le dichiarazioni rilasciata da Roberto Donadoni giovedì sera. La squadra aveva appena terminato l’allenamento al Dall’Ara, e il tecnico era ospite a Zola Pedrosa ad un evento organizzato da FAAC, main sponsor rossoblù, organizzata per raccogliere fondi per iniziative benefiche. Presenti anche alcuni manager delle aziende partner commerciali del Bologna e rappresentanti di varie associazioni che si occupano di volontariato. L’allenatore, incalzato sul palco dal direttore di Sky Sport 24 Matteo Marani, ha spiegato: «Stasera sono reduce da un allenamento di cui non sono particolarmente soddisfatto. Sì, è stata una seduta deludente in cui le cose non sono andate come avrei voluto. Poi però vengo qui, ascolto tutte queste esperienze e capisco che tutto questo ha un valore relativo». Donadoni ha anche aggiunto: «La mia squadra non è sotto stress per il rischio di retrocedere né perché in questo momento ha come obiettivo le prime posizioni in classifica. È una posizione invidiabile per fare un bel lavoro, ma non colgo la consapevolezza e l’impegno che mi aspetterei in una situazione del genere. Peccato… Se non fai le cose con la convinzione massima durante la settimana, poi è difficile che ti riescano in partita». Infine, il suo rapporto con la realtà rossoblù: «Venire a Bologna è stato molto bello. Il presidente mi ha trasmesso entusiasmo, forza, visione di un progetto e il sogno di riavvicinare la città ad un percorso che è nella gloriosa storia del club».
Per stessa ammissione del tecnico, quindi, l’allenamento di giovedì allo stadio aveva destato molte perplessità, ma pare che dalla seduta di ieri siano invece arrivati segnali positivi. Tra questi, un Mattia Destro che ha corso parecchio: continua dunque ad emergere la voglia del numero 10 di tornare protagonista, e oltre alla sua determinazione potrebbe aver contribuito anche la concorrenza con Bruno Petkovic.

58 Responses

  1. Francesco Marzano

    Se non si allenano a dovere poi come pretendiamo che la domenica forniscano prestazioni decenti. Se il mister sempre così cauto ha rilasciato in pubblico quelle dichiarazioni vuol dire che ne avevano combinate di tutti i colori. Non so se credere o sperare che a giugno ci sia una bella scrematura.
    Per sempre FORZA BOLOGNA

    1. MarkusB

      Se è davvero così e se la cosa si dovesse ripetere, il primo da scremare purtroppo è proprio il Dona, secondo me…

      1. Francesco Marzano

        Purtroppo la mia paura è proprio questa cioè che la squadra non gli giochi contro (troppi non avrebbero le palle per farlo), ma che ormai ognuno vada per proprio conto, e qui entra in scena il team manager. Che ci sta a fare? Quelle dichiarazioni avrebbe dovuto farle lui e avrebbe dovuto appendere qualcuno ad un attaccapanni (può essere che l’abbia fatto), da un po di tempo Di Vaio è sparito dai radar, perchè? Infine, signori miei, più di tanto il Dona non è che può fare, direte che ci sono le dimissioni ok e poi? Se i giocatori non ti seguono non li puoi abbattere come un cavallo zoppo, vuoi o non vuoi sono patrimonio societario vanno conservati, con mio grande disappunto l’unica soluzione che vedo è cambiare il mister, con chi? Sacrificio di una soluzione tampone tipo Cosmi (che li attacca al muro davvero) poi vediamo come va e si studieranno altre soluzioni, qui rischiamo di finire il campionato se non qui da quelle parti dato che dovremmo essere salvi.

        1. lucianodezanet

          Ma Cosmi accetterebbe un contratto di 4 mesi ? E poi per la prossima stagione altro allenatore .quindi pagano Donadoni Cosmi (contratto per 4mesi ? Mah !.)e contattare un nuovo (chi?) .Meglio secondo me finire la stagione con Donadoni fare un bel bilancio del tutto ed eventualmente guardarsi attorno per il 2018 ,ah dimenticavo se non c’è una dirigenza forte e presente (SAPUTO ) i giocatori fanno ciò che vogliono secondo me .o sbaglio

    2. Fede Giu

      Personalmente da ignorante credo che nn lo seguono più…
      Oramai tirano a campare da turista

  2. Furio_P

    insomma, da quanto dice Donadoni pare che i giocatori non se lo filano più: e questo è davvero un bel problema, sia in ottica presente che soprattutto in ottica futuro

  3. CROTUS

    Secondo me qualche straccio in più dovrebbe volare negli spogliatoi. Che andassero a lavorare in miniera o in fabbrica

  4. Roberz

    La curiosità per questa partita mi continua a crescere dentro.
    Incrociamo le dita, che Maietta sia davvero a posto, se fa giocare lui, perché lo abbiamo già visto vittima di ricadute in passato.
    Poi, io dico che Destro, più che soffrire la concorrenza di Petkovic, spera di giocarci assieme, perché si sarà rotto pure lui (come Krejcì e Verdi, del resto) di giocare a metà campo di distanza dalla porta e poi prendersi (giustamente) i mugugni della gente.
    Spero che Donadoni abbia il coraggio di non ripresentare il solito 4-3-3, insomma. Perché la frase “è una posizione invidiabile per fare un bel lavoro” vale anche per lui, visto che l’obiettivo evidente è far crescere i giovani e le quotazioni di mercato di tutti i giocatori (Destro compreso).

    Secondo me (mi sbaglierò…) il mister ce l’ha con qualche centrocampista… E’ l’unica spiegazione davanti all’insistenza mostrata col modulo e, di contro, la rotazione forsennata là in mezzo, come se si vedesse davanti un’incompiuta.
    Ma ripeto anche un altro concetto: dopo averlo visto giocare, la presenza di Petkovic a mio avviso consente una serie di soluzioni quasi infinite rispetto a due mesi fa.

  5. Kyotrix

    Vicenda Britos: se il Tas confermasse la prima sentenza, il bologna dovrà sborsare 5 milioni! E ancora c’è gente che si lamenta di Saputo e di questo bologna da quindicesimo posto. Dove erano tutti questi giornalisti quando Guaraldi e soci lentamente portavano alla disfatta il Bologna? Solo Righi vedeva il disastro di quella società, per gli altri andava tutto bene, avendo davanti agli occhi ancora il trio diamanti-ramirez-di vaio da 50 punti. Se dovremo pagare questi 5 milioni, che i giornalisti si preparino ad un altro anno di transizione, e invece di gridare a Saputo di tirare fuori la pilla, che lo dicano ai vecchi proprietari, coi quali siamo arrivati a 24h dal fallimento, e lo abbiamo schivato solo svendendo tutto quello che potevamo svendere.

    1. Fede Giu

      Primo commento che vedo da 5 mesi sulla vicenda Tas…
      Grazie mille per aver riportato a galla quel problema…
      Cmqe se Saputo dovesse pagare, al 99% si rifarebbe sul Guaraldi…

  6. comodicolcusinoo

    se dopo che prendi 7 banane a domicilio la curva ti applaude…può capitare di allenarsi svogliatamente..

    1. ManoloBO

      Esatto ! Infatti temo che grossa fetta della questione delle varie figure di M nelle ultime giornate sia proprio tutta qua ….

  7. MarkusB

    Mo dio bono Roberto!!! “Non colgo la consapevolezza e l’impegno che mi aspetterei in una situazione del genere. Peccato…” Peccato un cazzo (scusate il francesismo)!!! Il tuo mestiere è proprio quello di far svegliare ‘sta massa di addormentati! Basta con ‘sto buonismo e con le conferenze stampa dove “dovevamo essere più bravi, oh, pace”! Datti una mossa anche te per primo, per Crom!

    1. aldo capece

      è diventato la fidanzata di braccio di ferro, a giudicare dalla grazia che ci mette quando corre…

  8. Fulvio67

    È molto grave che la squadra abbia questo atteggiamento alla vigilia di una bella sfida con una squadra forte davanti al tuo pubblico così non si va da nessuna parte che delusione!

  9. LorisPradella

    Donadoni deve massacrarli! Lo stipendio lo prendono? Allora devono dare il massimo di impegno!

  10. nico

    Sveglia pelandroni!!che a fine Maggio si sbaracca tutto e sarete liberi di andare a…passera…tutte le sere…cosa che fate anche adesso..a parte gli ammogliati..?..?!

    1. danteRB

      E ti vai a lamentare con la stampa????Che senso ha?Dovrai mettere al corrente la societa’ ,della situazione,a meno che, non stai costruendoti degli alibi.

        1. danteRB

          Forse hai ragione,ma non e’ la prima volta che vengono riportate queste lamentele,e ,non mi risulta che Donadoni abbia mai smentito di averle dette,poi……

  11. danteRB

    Riflessione:se un allenatore va a lamentarsi con la stampa e segno che non viene ascoltato in societa’,altrimenti sarebbe deleterio.Ma,se la societa’ e i giocatori,non ascoltano il proprio allenatore,significa che viene a mancare quel rapporto di fiducia reciproca ,che e’ basilare all’interno di un gruppo.Conclusione:che prospettive dobbiamo aspettarci,se la situazione e’ questa?

        1. InchiostroRossoBlu

          La squadra sto giocando male, ma è piena di giovani talenti.
          E quest’anno c’era da sperare xhe giocassero con vivacità. Questa è la sola “promessa” mancata secondo me.

          1. danteRB

            Se e’ piena di giovani talenti,come dici,e sta giocando male,trai le conclusioni…..

            la verita’,a mio modesto parere,e’ che grandi talenti,non ci sono,ma che avrebbe potuto dare di piu’,in termini di prestazioni,ne sono quasi certo.Se siamo qua ,a commentare che,dopo piu’ di mezzo campionato,non sappiamo chi fare giocare,in che ruolo,in che modo,con che atteggiamento ,con che modulo,ecc,in poche parole,senza avere nessuna certezza,di promesse mancate c’e’ ne sono parecchie,non solo una.

          2. InchiostroRossoBlu

            Personalmente ho giocato per circa 12 anni in serie B, a pallacanestro, e non sempre si riesce a giocare bene, anche se si ha talento da vendere.
            Per questo la manfrina portata avanti da una certa stampa la trovo insopportabile, ché solo strumentale a far vendere giornali.
            E per questo, pur comprendendo la delusione generale, non posso condividere il disfattismo che gira in questi mesi.
            È tutto in linea con quanto dichiarato all’inizio del campionato, per cui che valore ha lamentarsi tutti i giorni per le stesse cose?

          3. danteRB

            Ti faccio un esempio:se hai un progetto di costruire una casa,devi partire dalle fondamenta,Dopo aver fatto le fondamenta ,devi erigere i muri.Se i muri non crescono costantemente(pur mettendoci tutto il tempo che vuoi)anzi ,qualche volta si ha l’impresssione che crollino,non arriverai mai a metterci il tetto,Ecco da cosa nasce il “disfattismo” che gira in questi mesi.Sul fatto che non si puo’ giocare sempre bene,sono d’accordo,ma deve essere una cosa limitata nel tempo,altrimenti…..

          4. InchiostroRossoBlu

            Con la differenza che per costruire una casa bastano dei mattoni, per costruire una squadra vincente ci vuole ben di più

          5. danteRB

            Ma il “principio”e’ lo stesso…….anche per costruire una casa,non servono solo i mattoni e dipende dal tipo di casa

          6. InchiostroRossoBlu

            Non se i mattoni son persone. Intendo questo, non la varieta di materiali

          7. comodicolcusinoo

            Scusa ma io tutti questi talenti non li vedo. Ci sarà forse qualcuno bravino ma gli ultimi talenti che si sono visti da queste parti si chiamavano Gastone e Amadou .

          8. comodicolcusinoo

            Per me non sono due talenti. Poi dipende che cosa si intende per talento.

          9. fiore

            io non vedo tutti questi talenti, giovani si ma talenti per favore, semmai onesti e mediocri calciatori da bassa classifica

  12. Fede Giu

    Le parole sul allenamento le ha dette dopo la sconfitta subita dal Milan.
    A mio modesto avviso ha perso la sua credibilità con i giocatori per l e sue scelte e comportamento…
    Che dire… cambiare Donadoni o cambiare alcuni giocatori.
    Ricordiamoci di Ranieri e del Leicester…

  13. Ladri bianconeri

    Da tempo penso che gli allenamenti di Donadoni siano troppo rilassati e non intensi. Ovviamente deve essere lui a mettere pressione ai calciatori. Certo manca anche un vero leader tra i giocatori che sappia gestire uno spogliatoio non unito ne motivato

  14. solobfc

    Ad ascoltare le parole esatte di Donadoni a me suona tutto un po’ diverso da come viene riportato. Questo è il video del convegno, poi giudicate voi:

    https://youtu.be/d2G1KtHjq8Q?t=2m1s

    Intanto il contesto è importante: un evento di raccolta fondi per entità benefiche. Storie di persone in vera difficoltà. La domanda dell’intervistatore è sulla cultura del lavoro, che porta poi i giovani a diventare buoni giocatori.

    Il mister cita l’allenamento insoddisfacente per sottolinare che i veri problemi e le vere difficoltà sono altre, non l’allenamento storto: sono quelle delle persone bisognose per cui quell’evento è stato organizzato.

    Nelle risposte successive non dice nulla che non abbia mai detto prima: cultura del lavoro come unico modo per crescere e diventare grandi giocatori, quando quel milan si allenava finivano stremati ma sapevano che quel lavoro serviva, la mentalità e l’attitudine sono la cosa che più conta, quant’era bravo Arrigo Sacchi, se si lavora seriamente e ci si crede i risultati arrivano.

  15. Nico Gamma

    Letto tutto: non son d’accordo con nessuno! Principalmente con me stesso!!!
    P.S.: però suggestiva la foto…non trovate?

    1. Claudio

      L’unica aspetto frustrante della foto sono gli enormi buchi in San Luca e nei distinti laterali. Però oramai dovremo abituarci a questo