Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Le condizioni fisiche di Helander e Sadiq decisive per il mercato del Bologna

RS, 07/12/2016

Bologna con gli stessi punti dello scorso anno. Confronto squadra, staff tecnico e dirigenza ‒ La sconfitta con l’Udinese che relega il Bologna ancora a quota 16 punti di fatto pone i rossoblù sullo stesso piano dello scorso anno: anche allora lo stesso bottino dopo 16 giornate, con la differenza che dodici mesi fa la terzultima, il Frosinone, distava 2 punti e oggi 8. Quello subito lunedì sera da Danilo allo scadere è il 13° gol incassato (sui 22 totali) nell’ultima mezzora, l’8° negli ultimi 15 minuti. Sul banco degli imputati sta finendo nell’opinione pubblica, anche mister Roberto Donadoni, che però, oltre ad avere un ottimo rapporto con il chairman Joey Saputo, gode anche della totale stima della squadra, che è con lui. Lunedì sera, in pullman, il tecnico non ha peraltro parlato a bassa voce mentre si rivedevano le immagini della gara. Con Pulgar si sarebbe confrontato sul fatto che avrebbe dovuto evitare di prendere quel secondo giallo con un fallo a 60 metri dalla porta dopo aver già rimediato un’ammonizione che non c’era. Come poi sottolineato in sala stampa al termine della gara, a Di Francesco ha ribadito che Widmer andava contrastato. “Sa essere duro con noi – spiega un rossoblù – ma non potremmo mai non stare dalla sua parte per come si pone, per il confronto continuo che ci chiede”. Il punto, probabilmente, come spiegava ieri un altro giocatore è che “non riusciamo a tradurre quanto ci viene detto”.
La squadra intanto si è ritrovata ieri per iniziare la preparazione in vista del match con l’Empoli di domenica prossima. Filip Helander ha lavorato con i compagni e dovrebbe quindi essere a disposizione. Oggi se ne saprà di più sulle condizioni di Mattia Destro, che si sottoporrà ad alcuni esami per valutare il trauma contusivo alla spalla sinistra. A quanto filtra, il problema è emerso dopo la sostituzione con Floccari, il che lascia pensare che il cambio sia dunque avvenuto per mera scelta tecnica e non per l’infortunio. Da Casteldebole si minimizza, il che porta a pensare che ci siano possibilità di vedere il numero 10 in campo contro l’Empoli. Ieri, oltre all’allenamento, a quanto pare è andato in scena anche un confronto tra squadra, staff tecnico e dirigenza, in particolare Riccardo Bigon e Marco Di Vaio. Il messaggio che arriva è lo stesso lanciato dal d.s. lunedì sera: occorre rimanere compatti e ritrovare equilibrio.