Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

RS, 09/07/2016

Ieri summit di mercato. Resta da sciogliere il nodo Diawara, in attacco piace Zivkovic ‒ Si è tenuto ieri a Casteldebole l’annunciato summit di mercato, a cui hanno preso parte il direttore sportivo Riccardo Bigon, l’a.d. Claudio Fenucci, il club manager Marco Di Vaio, il tecnico Roberto Donadoni e i suoi più stretti collaboratori. Dopo aver consegnato all’allenatore la rosa quasi al completo in vista della partenza per il ritiro di Castelrotto, è probabile che per un po’ non ci saranno più operazioni in entrata. Con Federico Di Francesco, Ladislav Krejčí e Simone Verdi (oltre a Deian Boldor) sono arrivati tre dei cinque-sei acquisti di cui si era parlato nelle scorse settimane.
Con ogni probabilità giungerà ancora qualcuno in attacco (un vice Destro) e a centrocampo, dove il nodo da sciogliere resta l’eventuale cessione di Amadou Diawara. Il dialogo è avviato con la Roma, ma la distanza resta ancora di un paio di milioni. In particolare, il club giallorosso è arrivato a offrire 12 milioni più Umar Sadiq ma sul contratto dell’attaccante nigeriano classe 1997 ci sarà eventualmente da trovare l’intesa, perché la Roma vorrebbe comunque continuare ad avere il controllo sul giocatore anche in futuro. Sembra comunque difficile che Diawara resti, al punto che dall’Ungheria trapela che l’accordo tra Adam Nagy e il Bologna è stato raggiunto: si potrà però arrivare al nero su bianco solo dopo la partenza del guineano.
Per il centrocampo continuano a circolare anche i nomi di Assane Gnoukouri e Luca Cigarini mentre è spuntato un nome nuovo per l’attacco: si tratta di Richairo Zivkovic, che compirà 20 anni a settembre, delle giovanili dell’Ajax e nel giro dell’Under 21 olandese.