Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Domenico Maietta (foto: Damiano Fiorentini)

RS, 11/07/2016

Primo allenamento a Castelrotto: Maietta e Acquafresca subito infortunati. Nagy resta vicinissimo ‒ Un discorso di Donadoni alla squadra durato una decina di minuti, poi un allenamento di un’ora e mezza. È iniziato così, nel pomeriggio di ieri, il ritiro del Bologna a Castelrotto. In realtà, tutto era cominciato in mattinata con la defezione di Amadou Diawara. L’appuntamento era per prima delle 8 a Casteldebole, dove la squadra avrebbe poi preso il pullman per la stazione. Quando il centrocampista non si è presentato prima sono scattate le telefonate, poi – visto che il telefono era spento – Di Vaio è andato all’abitazione del giocatore, alla Meridiana, a due passi dal centro tecnico. Niente auto, cancello chiuso e nessuno che rispondeva al campanello. Preso atto della situazione, il club manager ha dato comunque il via libera alla partenza per il Trentino. Sono ovviamente proseguiti i contatti telefonici e dopo diversi tentativi, intorno alle 16 di ieri pomeriggio, il d.s. Riccardo Bigon è riuscito a parlare con l’entourage del giocatore. Per Diawara si profila una multa, che in base al regolamento interno andrà dal 10% al 30% dello stipendio.
Nel pomeriggio, dunque, il primo allenamento, in cui peraltro Donadoni si è esibito una pregevole conclusione di sinistro all’incrocio dei pali dopo essersi aggiustato il pallone di destro. Una quindicina i presenti, tra turisti e tifosi. Sul campo la squadra ha lavorato tra corsa e dribbling con gli ormai famosi ‘cinesini’, sotto gli occhi di Bigon e Di Vaio seduti in panchina. Taider si sta allenando con una maschera protettiva e nella prima sgambata ha colpito la solita personalità di Masina. L’umore sembra comunque alto, come dimostrano le prese in giro di Donadoni a Floccari, che si è presentato con la chioma riccioluta. Da registrare anche i primi infortuni: Domenico Maietta ha accusato un risentimento muscolare alla coscia sinistra e Robert Acquafresca una contusione alla caviglia. Da oggi si farà sul serio con doppie sedute, una al mattino e l’altra al pomeriggio, oltre alle quattro amichevoli in programma nei due fine settimana in cui i rossoblù resteranno in Trentino. Sabato prossimo arriveranno anche Ladislav Krejčí, Erick Pulgar, Archimede Morleo e Luca Ceccarelli, mentre rimane vicinissimo l’arrivo di Adam Nagy, pronto a vestirsi di rossoblù a titolo definitivo per un’operazione di circa 5 milioni.