Rassegna stampa 16/10/2018

RS, 14/02/2017

Saputo relazionato sul post Sampdoria. Da oggi si pensa all’Inter, con l’infermeria piena ‒ È stato un lunedì di riposo in casa rossoblù, dove scatterà oggi la preparazione in vista della gara di domenica alle 12:30 contro l’Inter, ma nel quartier generale rossoblù si è comunque lavorato su più fronti. Dall’infermeria non sono arrivate buone notizie, visti gli infortuni che terranno fuori per un mese Maietta e per almeno tre settimane Gastaldello. Al centro della difesa per le prossime gare sarà dunque emergenza: al momento si va verso la conferma della coppia greca formata da Oikonomou e Torosidis, in attesa di valutare le condizioni di Helander, che nei giorni scorsi era tornato a lavorare in gruppo ma era poi stato escluso dalla lista dei convocati per la gara con la Sampdoria. Un po’ meglio è andata a Destro, la cui distorsione alla caviglia è di fatto risultata di lieve entità. Non ci sono interessamenti di ossa o legamenti, e da quanto trapela già ieri la situazione era leggermente migliorata. Il numero 10 salterà comunque l’impegno con l’Inter e l’auspicio è quello di riaverlo a disposizione a Marassi contro il Genoa.
Proprio quella, salvo cambi di programma, sarà anche la gara che segnerà il ritorno a Bologna del chairman Joey Saputo, che ieri ha avuto un lungo colloquio con la dirigenza rossoblù. Si è parlato, ovviamente, del rigore inesistente che ha permesso ai blucerchiati di pareggiare: a tal proposito, a margine, è emerso che la chiamata incriminata non sarebbe stata fatta dall’addizionale di area Marinelli, bensì dal guardalinee De Meo. Ma con Saputo si è parlato anche della prestazione dei giocatori in campo, quindi verosimilmente dell’aspetto tattico e psicologico. Riguardo alla questione arbitrale, da Casteldebole nessuna telefonata o dossier, con la linea che resta quella anticipata dall’amministratore delegato Claudio Fenucci domenica sera: si deve lavorare per accelerare il cambiamento, ovvero l’introduzione della tecnologia, vedi alla voce VAR, novità peraltro attesa già da quest’anno nel campionato americano e che a Casteldebole sperano possa essere introdotta in Italia dalla stagione 2017-2018.
Infine, uno sguardo ai numeri, in particolare ai gol che il Bologna ha incassato nell’ultimo quarto d’ora. Sinora sono ben 14 sui 37 totali, a fronte dei 2 soli segnati negli scorci finali di partita: il riflesso in classifica racconta di 10 punti persi, con i rossoblù che ora si troverebbero addirittura al sesto posto.