Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Donadoni:

RS, 14/11/2016

Da domani entra nel vivo il lavoro per varare l’undici anti-Palermo ‒ Secondo e ultimo giorno di riposo per i rossoblù, che da domani riprenderanno la preparazione in vista della gara di domenica contro il Palermo. Per Roberto Donadoni, che ritroverà il primo scaglione di giocatori impegnati in questi giorni con le Nazionali, inizierà ad entrare nel vivo il lavoro che porterà a varare l’undici che affronterà la squadra di De Zerbi, che peraltro in questi giorni è già in ritiro nel bresciano per preparare la sfida con il Bologna. Da delineare c’è prima di tutto il modulo: il 4-3-3 visto sinora o la variante proposta contro la Roma del 4-3-2-1? Sulla carta, peraltro, ci sarebbe anche la soluzione del 4-2-3-1.
Posto che in ogni caso ci sarà da fare i conti con l’infermeria e con le assenze, c’è da capire chi giocherà al fianco di Daniele Gastaldello al centro della difesa: Filip Helander è out, quindi momento sono in lizza Alex Ferrari e Marios Oikonomou, ma Domenico Maietta sta facendo di tutto per bruciare le tappe e rientrare già domenica prossima. Da domani, alla ripresa degli allenamenti, le condizioni del difensore verranno monitorate di giorni di in giorno per capire se il rientro, anticipato rispetto ai tempi, può essere possibile. Sulle corsie esterne si candida per un posto anche Vasilis Torosidis, che in questi giorni è impegnato con la Nazionale e sembra essersi messo alle spalle i recenti problemi fisici. Con qualunque modulo, a centrocampo Donadoni ha poi ampia possibilità di scelta, visto che sono di fatto tutti disponibili, mentre è l’attacco l’altro reparto in cui ci saranno assenze: Simone Verdi e Federico Di Francesco, nella fattispecie, oltre a Umar Sadiq, che resterà sostanzialmente in dubbio fino alla fine.
Donadoni avrebbe comunque gli uomini per puntare ancora sul 4-3-3, ovvero Luca Rizzo e Anthony Mounier da impiegare sulla corsia destra, con Ladislav Krejci a sinistra. Ma, come contro la Roma, potrebbe derogare e puntare sostanzialmente su un 2-1 offensivo. Contro i giallorossi, ad esempio, era stata avanzata la posizione di Blerim Dzemaili. O ancora, sfruttando sempre la duttilità dello svizzero, si potrebbe varare un 4-2-3-1 con Saphir Taider e Adam Nagy davanti alla difesa e il trio Rizzo-Dzemaili-Krejci a supporto della punta. Che è poi l’ultimo punto interrogativo da sciogliere da qui a domenica: Mattia Destro potrebbe riprendersi una maglia da titolare, oppure potrebbe toccare a Sergio Floccari dall’inizio. Non è peraltro esclusa staffetta in ogni caso, visto che è tutt’altro che certo che Destro possa giocare l’intera gara.
Chiudendo il capitolo infermeria, non è ancora arrivato il tanto atteso via libera che consentirà ad Antonio Mirante di tornare a giocare in campionato. In casa Bologna lo si attendeva per la scorsa settimana, ma nulla. A questo punto, o arriverà a stretto giro di posta o il portiere dovrà saltare anche l’impegno con il Palermo.