RS, 15/12/2016

RS, 15/12/2016

L’undici anti-Pescara resta ancora allo studio. Si avvicina il vertice di mercato ‒ A metà della settimana che porterà al match con il Pescara, torna a farsi sentire l’infermeria. Durante la seduta di ieri, infatti, Federico Di Francesco ha lavorato a parte per un affaticamento ai flessori della coscia sinistra: a pochi giorni dalla partita, le sue condizioni andranno verificate. A parte anche Adam Masina, che deve smaltire la contusione al gluteo rimediata con l’Empoli e già in queste ore potrebbe tornare in gruppo, e Luca Rizzo. Anche Adam Nagy si è allenato a parte, ma solo a scopo precauzionale per smaltire i carichi di lavoro precedenti. L’allenamento è stato incentrato soprattutto sulla parte tecnica e non sono arrivate particolari indicazioni per l’undici che domenica affronterà gli abruzzesi. Donadoni ha anzi mischiato le carte provando, durante la fase di lavoro a coppie, Mimmo Maietta con Alex Ferrari e Daniele Gastaldello con Marios Oikonomou. Nel pomeriggio, Ladislav Krejci ha incontrato i tifosi allo store del club in Galleria Cavour: ad attenderlo anche Antonio Mirante, per un saluto e una foto insieme prima di darsi appuntamento all’allenamento di questa mattina.
Sabato arriverà poi Joey Saputo (probabilmente insieme al figlio Luca e al fratello della moglie Carmie, Raffaele) che, dopo la gara con il Pescara, presenzierà alla cena natalizia del club e avrà anche l’occasione per fare il punto sul mercato. Per quanto concerne invece la dirigenza, il contratto dell’amministratore delegato Claudio Fenucci scadrà nel giugno 2017, e ci sarebbe già una stretta di mano per proseguire. Secondo il Codice Civile, peraltro, i contratti degli amministratori non sono rinnovabili come avviene per i calciatori ma durano tre anni, al termine dei quali o i dirigenti vengono rinominati o il rapporto termina. Tra Saputo e Fenucci ci sarebbe già stato un colloquio da cui è emerso l’ok per proseguire.
La cifra reale a disposizione per il mercato di gennaio si avrà intanto nei prossimi giorni, dopo il vertice della prossima settimana: al momento siamo nell’ordine dei 5 milioni. Per quanto riguarda l’attacco, se uscirà Anthony Mounier si potrebbe riaprire il dialogo con Alessio Cerci, e nelle ultime ore al Bologna è tornato ad essere accostato il nome di Kevin Lasagna. Più difficili, al momento, le soluzioni Jonathan Biabiaby e Alberto Paloschi, mentre resta il nome di Vittorio Parigini. In difesa, qualora arrivasse un’offerta importante, potrebbe essere ceduto Marios Oikonomou. Resta in piedi, oltre a Giancarlo Gonzales del Palermo, la possibilità di Laurent Ciman, attualmente al Montreal, che potrebbe vestire il rossoblù per sei mesi e poi tornare in Canada. Eventuali acquisti ‘extra’ – come ad esempio un secondo difensore – saranno legati alle cessioni.