Giornata importante sul fronte Masina. Saputo, probabile ritorno per Bologna-Inter

RS, 17/03/2017

Due giorni per varare l’undici anti-Chievo. Poi sarà un Bologna dimezzato dalle Nazionali ‒ Il Bologna che tra un paio di giorni affronterà il Chievo prenderà definitivamente forma tra oggi e domani, e i riflettori restano puntati in particolare sulla fascia mancina di difesa. Ieri Ibrahima Mbaye ha fatto un ulteriore passo verso il rientro, lavorando in parte con il gruppo e in parte svolgendo lavoro differenziato. Le sue condizioni verranno valutate di nuovo in queste ore e, in caso di recupero, il posto sulla corsia sinistra lasciato vacante dalla squalifica di Adam Masina potrebbe diventare suo. Restano in piedi anche le altre ipotesi, ovvero lo spostamento di uno dei centrali – nel caso, Filip Helander sembra essere il più accreditato – o l’arretramento di Ladislav Krejci. Sulla carta ci sarebbe anche la soluzione della difesa a tre, ma sembra uno scenario decisamente remoto visto che Donadoni pare orientato a dare continuità al 4-3-3.
Con gli ormai noti ballottaggi in mediana, dove di fatto sono tutti in ballottaggio eccetto Blerim Dzemaili, il tridente visto con il Sassuolo e formato da Federico Di Francesco, Simone Verdi e Mattia Destro potrebbe essere riconfermato. A proposito del numero 10, è di fatto partito il rush finale vero l’obiettivo della doppia cifra, traguardo che l’infortunio rimediato contro l’Inter gli aveva impedito di tagliare lo scorso anno. Reduce dalla rete al Mapei Stadium, l’auspicio è che l’attaccante si sia sbloccato e possa confermare un paio di dati positivi emersi dalla gara con il neroverdi. In particolare, la posizione media in campo di Destro è stata, generalmente, più arretrata rispetto a quella dei due compagni di reparto (e in stagione non era sinora mai capitato), e una delle conseguenze è stata che ha lavorato più palloni. In totale i passaggi sono stati 19, 10 dei quali nella metà campo difensiva: una chiave di lettura è che si è trattato di un Destro più partecipe all’azione e più collaborativo. Certo, ci sono anche dati un po’ meno positivi legati al centravanti Ascoli, come il 37% dei contrasti vinti e il 20% dei duelli aerei vinti, ma un Destro che gioca più palloni del solito ed è più presente all’interno della manovra resta comunque una buona notizia.
Un’altra buona notizia riguarda le convocazioni in Nazionale. Dopo la gara con il Chievo sono infatti sette i rossoblù che lasceranno Bologna: Masina e Di Francesco con l’Under 21 per le gare contro Polonia e Spagna il 23 e 27 marzo, Torosidis e Oikonomou nella Grecia che affronterà il Belgio, Helander e Krafth nella Svezia che affronterà Bielorussia e Portogallo, e Ladislav Krejci che con la sua Repubblica Ceca sfiderà Lituania e San Marino. E potrebbe non essere finita qui, visto che è tutt’altro che remota l’ipotesi di una chiamata per Dzemaili in vista del match Svizzera-Lettonia. Nel fine settimana arriveranno anche le convocazioni azzurre, con Verdi che risulta già fra i pre-convocati per l’impegno contro l’Albania.