In dieci per tutta la gara, il Bologna si arrende 1-0 alla Spal. Destro si divora il pari nel finale

RS, 17/12/2016

Giornata chiave per il recupero di Di Francesco. In trasferta non si vince da 10 mesi ‒ Sarà la rifinitura di oggi a dare la risposta definitiva sul recupero di Federico Di Francesco in vista del match di domani contro il Pescara. Da giorni, infatti, l’esterno lavora a regime ridotto per un affaticamento ai flessori della coscia sinistra: si tratta del muscolo che già recentemente gli aveva causato problemi tenendolo ai box per tre settimane, per cui in questi casi la cautela è d’obbligo onde evitare ricadute. Oggi si terrà quindi il confronto decisivo per capire se Di Francesco sarà a disposizione, posto che in ogni caso non potrà essere al 100%. In caso di assenza (e con i forfait certi di Verdi, Rizzo e Sadiq in avanti), le varianti al trio offensivo composto da Mounier, Destro e Krejci non sono molte. Una prevede l’avanzamento di Dzemaili, e in questo caso la mediana sarebbe composta da Nagy, Taider e Viviani, mentre con lo svizzero confermato a centrocampo i tre sarebbero in ballottaggio per le altre due maglie. Taider è tra l’altro all’ultima gara in rossoblù prima della partenza per la Coppa d’Africa. A sinistra in difesa conferma in vista per Masina, così come al centro per la coppia formata da Gastaldello e Maietta, mentre a destra è ballottaggio tra Krafth e Torosidis.
Sotto gli occhi del chairman Joey Saputo, atteso con qualche familiare, il Bologna andrà a caccia di un successo in trasferta che manca dal 14 febbraio scorso ad Udine. La decise Mattia Destro grazie a una delle due reti (l’altra a San Siro con il Milan) segnate lontano dal Dall’Ara da quando è a Bologna. Prima della partenza di Saputo per il Canada si terrà anche un vertice di mercato, argomento che, a quanto pare, è comunque già stato trattato in un confronto tra Donadoni e la dirigenza.