Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

RS, 13/11/2016

RS, 19/10/2016

A Bologna è già clima derby. Destro migliora: torna con la Fiorentina? ‒ La settimana che porterà alla gara di domenica prossima contro il Sassuolo, in casa Bologna, è iniziata ieri con una doppia seduta d’allenamento che ha visto in primo piano il tema dell’infermeria. E da Casteldebole trapela più di una buona notizia. Intanto, le condizioni di Mattia Destro, che ieri ha svolto terapie. La lesione al polpaccio che ha bloccato l’attaccante è di piccolissime dimensioni ma si trova in profondità, e in più si tratta del polpaccio che aveva già lo aveva tormentato in estate. Serve dunque cautela, ma le sue condizioni starebbero migliorando, al punto che se non interverranno contrattempi potrebbe essere a disposizione per la trasferta in casa del Chievo. Difficile, però, che il bomber venga rischiato ad appena tre giorni dalla gara con la Fiorentina, per cui al momento il suo rientro resta fissato proprio per la sfida con i viola. A quel traguardo punta anche Antonio Mirante, ma viste anche le prestazioni più che convincenti di Angelo Da Costa non c’è alcuna necessità di affrettare i tempi, per cui il portiere potrebbe tornare a difendere i pali del Bologna in occasione del match contro la Roma.
Al momento non preoccupa lo staff sanitario la botta al piede che ieri ha costretto Simone Verdi a concludere anzitempo l’allenamento, e anche Ladislav Krejci ha ormai smaltito l’influenza che lo aveva condizionato nei giorni scorsi. In vista della partita con il Sassuolo resta il punto interrogativo sulla composizione dell’attacco, che per l’appunto sarà ancora orfano di Destro. Sulla carta, le soluzioni sono quelle ormai note, con la possibilità di impiegare Verdi come falso centravanti o schierare, come contro la Lazio, Floccari. Né lui né Sadiq sono comunque al 100%, per cui la soluzione ad oggi più probabile resta quella della staffetta. Inevitabilmente sarà una sfida dal sapore particolare in casa Di Francesco, visto il derby in famiglia tra Federico e papà Eusebio. Il giovane rossoblù ha più volte dichiarato di vedere nel padre un modello a cui ispirarsi, il tecnico del Sassuolo, a sua volta, nelle scorse settimane non ha nascosto di vedere nel Bologna una soluzione ideale per il figlio. «Quando arriverà il derby – ha anche aggiunto in un’occasione – vorrà dire che saremo avversari per novanta minuti, ammesso che Federico sia bravo a conquistarsi il posto».
Infine, continua a tenere banco il tema del mercato di gennaio. Le richieste di Roberto Donadoni non dovrebbero essere molto diverse da quelle dell’estate, ovvero un difensore, un esterno d’attacco e una punta che funga da vice Destro. A conti fatti solo il centrocampo potrebbe essere immune da novità. Entrate e uscite saranno ovviamente collegate: nella lista partenti, ad esempio, potrebbe finire Marios Oikonomou, e lo stesso discorso vale per Anthony Mounier, mentre resta tutta da valutare la situazione di Luca Rizzo.