Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Amadou Diawara in Bologna-Roma

RS, 23/07/2016

Piraino: «Diawara, Bologna e Roma già d’accordo». E a Castelrotto ci si allena sui calci di punizione ‒ In casa rossoblù sarà un fine settimana che vedrà il campo quasi assoluto protagonista, visto che l’assenza di Claudio Fenucci e Riccardo Bigon (a Montreal per fare il punto della situazione con il chairman Joey Saputo) rimanderà all’inizio della prossima settimana la ripresa ufficiale delle trattative di mercato. In particolare, dovrebbe riprendere il dialogo con la Roma per Amadou Diawara. Ieri, ai microfoni di Sportitalia, l’agente Daniele Piraino ha fatto sapere: «Roma e Napoli sono interessate, ma data la frattura con il Bologna sarò contattato solo a situazione definita. La mia sensazione è che il club rossoblù abbia già un accordo con la Roma». Più cauta la versione che, ufficiosamente, filtra proprio dal club rossoblù. In sostanza, la Roma c’è, ma l’accordo è ancora da trovare. Resta il quadro dei giorni scorsi: cessione a titolo definitivo o in prestito con riscatto, per un’operazione da cui il Bologna complessivamente potrebbe ricavare 10-12 milioni e Umar Sadiq (anche in questo caso, da decidere con quale formula). Ci sarebbe però anche il Napoli, così come l’interesse di almeno un club straniero.
Nel frattempo Blerim Džemaili resta una pista particolarmente calda per il centrocampo, e nelle ultime ore sono emersi anche i nomi di Edgar Barreto e Luca Rigoni. Il Genoa resta su Luca Rossettini, ma il Bologna potrebbe offrirgli un prolungamento di contratto. Non è quindi escluso che sul mercato possa finire Ibrahima Mbaye.
Intanto oggi i rossoblù scenderanno in campo contro il Terek Grozny per la quarta e ultima amichevole a Castelrotto, con il ritiro ormai agli sgoccioli. Ieri mattina, tra l’altro, alcuni rossoblù sono stati impegnati in  un allenamento sui calci piazzati con Mario Bortolazzi, membro dello staff di Donadoni e specialista delle punizioni. La seduta ha coinvolto in particolare Krejčí, Nagy, Taider e Verdi. Lo scorso anno su punizione erano arrivati solo due gol (Giaccherini alla Lazio e Brienza all’Empoli). Quest’anno potrebbe esserci qualche piedino educato in più pronto a dire la sua.