Silenzio, assenso, giustificazione

RS, 24/01/2017

Full immersion a Casteldebole per Saputo: Joey pensa anche al rinnovo di Donadoni. Si rivede Sadiq ‒ Dopo il successo sul Torino, il Bologna è tornato in campo già ieri per allenarsi. La giornata di riposo per i rossoblù sarà oggi e la preparazione in vista della gara con il Cagliari riprenderà domani con una doppia seduta. Domenica era tornato sotto le Due Torri anche Umar Sadiq, che ieri si è sottoposto ad una serie di accertamenti all’Isokinetic dopo l’intervento alla caviglia e la riabilitazione svolta a Roma nelle scorse settimane. Non sembrano esserci problemi particolari alla caviglia sinistra, si attende in ogni caso la risposta dell’articolazione al lavoro sul campo: il nigeriano dovrebbe tornare in gruppo nei prossimi giorni. Qualche punto interrogativo in più c’è invece sul conto di Filip Helander, che anche ieri ha lavorato a parte: certezze sul suo ritorno in campo al momento non ce ne sono. Donadoni, domenica al Sant’Elia, non potrà contare sullo squalificato Blerim Dzemaili, ed è probabile che al posto dello svizzero ritrovi una maglia da titolare Godfred Donsah. Contro i sardi, oltre alla striscia di risultati positivi, il Bologna avrà il compito di allungare un altro dato: nelle ultime cinque gare, per quattro volte ha mantenuto la porta inviolata. Fa eccezione il match contro la Juventus, mentre con Empoli, Pescara, Crotone e Torino non ci sono stati gol al passivo.
Come ormai da prassi ogni volta che torna a Bologna, ieri per il chairman Joey Saputo è stata una full immersion a Casteldebole. Il magnate canadese è arrivato al centro tecnico intorno alle 9 ed è uscito solo in serata, dopo un susseguirsi di incontri e riunioni. Presente tutto lo stato maggiore rossoblù, dall’a.d. Claudio Fenucci al d.s. Riccardo Bigon, passando per il club manager Marco Di Vaio e il mister Roberto Donadoni. In primo piano il punto sui lavori proprio al centro tecnico, ormai in dirittura d’arrivo, sul mercato e sul progetto di restyling dello stadio Dall’Ara. Oggi è in programma un CdA, poi nella giornata di domani il patron lascerà Bologna per fare rientro in Canada. Il ritorno nel capoluogo emiliano, al momento, è previsto in concomitanza con la gara contro la Sampdoria.
Sul mercato, intanto, la situazione resta in standby. Sempre concreta l’ipotesi Ternana per Robert Acquafresca, che non figura comunque nella lista dal club a suo tempo consegnata in Lega. Il Bologna potrebbe continuare a restare alla finestra per Ante Budimir, in una trattativa comunque slegata dallo scambio con Marios Oikonomou, di cui si era parlato nei giorni scorsi: il difensore greco resterà in rossoblù. In questi giorni il club potrebbe incontrare il procuratore di Alex Ferrari, fresco di rinnovo del contratto, per valutare la possibilità di una cessione (in prestito secco) in Serie B, al fine di consentire al giovane prodotto del vivaio di giocare con continuità. Giocatori, ma non solo. Saputo pare infatti intenzionato a prolungare l’attuale contratto di Roberto Donadoni, che scade nel 2018, portandolo al 2019 o al 2020: se ne potrebbe parlare nei prossimi mesi.