vladimir weiss

RS, 24/06/2016

Sopralluogo a Kitzbuhel in vista del ritiro. Sul mercato si valuta l’opzione Weiss ‒ Vacanze agli sgoccioli per i rossoblù, che da domenica saranno a Castiadas, in Sardegna, per una settimana di pre-ritiro. Si tratta di un appuntamento aperto anche ai familiari, in cui i giocatori inizieranno i primi allenamenti in vista della prossima stagione. Il ritiro vero e proprio sarà poi dal 10 al 26 luglio in Trentino, a Castelrotto, seguito da una terza fase della preparazione in Austria, a Kitzbuhel, dal 29 luglio al 5 agosto. Una delegazione del Bologna era ieri proprio nella località austriaca per un sopralluogo e per visionare i campi d’allenamento e la struttura alberghiera che ospiterà la squadra: mister Donadoni sarà relazionato nei prossimi giorni.
Dopo la cessione di Marco Crimi al Carpi, intanto, il mercato del Bologna si muove anche in entrata. Federico Di Francesco e Deian Boldor saranno infatti oggi in città per le visite mediche: arrivano entrambi dal Lanciano per un’operazione complessiva di poco superiore al milione e mezzo. La distanza che c’era tra le parti è stata colmata ieri pomeriggio e Di Francesco, in particolare, dovrebbe sottoscrivere un contratto di quattro anni con opzione per una quinta stagione. Boldor va invece ad aumentare il ventaglio delle scelte difensive, in una retroguardia che al momento conta già Mbaye, Krafth, Rossettini, Gastaldello, Ferrari, Maietta, Cherubin, Oikonomou, Maietta e Masina, oltre a Ceccarelli, che comunque non rientra nei piani. Qualche cessione potrebbe esserci, e nelle ultime ore dalla Grecia è rimbalzata la notizia secondo cui la Fiorentina starebbe pensando di effettuare un nuovo tentativo per Oikonomou.
Il Bologna, dal canto suo, sta continuando a tenere calda con l’Inter la pista che porta ad Assane Gnoukouri, sulla base del prestito. La scorsa settimana a Riccardo Bigon è poi stato proposto l’ex Pescara Vladimir Weiss e il direttore sportivo rossoblù ne ha parlato con Donadoni. Il Bologna sta valutando l’ipotesi ed è probabile che la questione verrà eventualmente approfondita tra qualche giorno, quando sarà anche più chiaro che margini di manovra ci saranno per gli attuali obiettivi rossoblù sugli esterni.