RS, 25/01/2017

Da oggi si torna al lavoro per il Cagliari. Sadiq in campo anche nel giorno di riposo, ieri a Casteldebole CdA ‒ È stato un martedì di riposo per i rossoblù, che si ritroveranno oggi a Casteldebole per una doppia seduta d’allenamento che farà entrare nel vivo la preparazione in vista della gara di domenica con il Cagliari. O meglio, riposo per quasi tutti i rossoblù. A Casteldebole c’era infatti Umar Sadiq, che ha lavorato sul campo principale del centro tecnico. Scatti e allunghi per l’attaccante nigeriano, utili per testare le condizioni della caviglia operata nelle scorse settimane. In queste ore Sadiq si sottoporrà ad ulteriori accertamenti e il suo rientro in gruppo potrebbe non essere lontano. L’undici anti-Cagliari continuerà dunque a prendere forma da oggi, con Godfred Donsah che dovrebbe prendere il posto dello squalificato Blerim Dzemaili e Simone Verdi che, se non per una maglia da titolare, si candida comunque per un minutaggio superiore rispetto ai venti minuti finali giocati contro il Torino.
Questa mattina, intanto, il chairman Joey Saputo è ripartito per il Canada, dopo essere stato impegnato nella giornata di ieri in un CdA sostanzialmente tecnico durato circa un’ora e mezzo. Questi giorni a Bologna sono stati utili al patron per fare il punto della situazione sui vari temi aperti. E tra questi c’è anche il mercato, su cui ieri Saputo si sarebbe soffermato con l’a.d. Claudio Fenucci e il d.s. Riccardo Bigon. Non cambia il budget a disposizione, così come non cambiano le strategie. Se dovesse arrivare qualche innesto in difesa, il nome resta quello del polacco classe 1992 Rafal Janicki, mentre per quanto riguarda le uscite la situazione potrebbe dipendere anche dalla volontà di qualche ragazzo di trovare spazio altrove. I nomi, eventualmente, sono quelli di Ibrahima Mbaye (il cui procuratore Beppe Accardi continua comunque a far sapere che resterà a Bologna) e Alex Ferrari, che tra A e B qualche opportunità potrebbe averla. Per quanto riguarda il futuro di Blerim Dzemaili, ci sono da registrare le parole del direttore tecnico dei Montreal Impact, Adam Braz, che proprio ieri ha spiegato: «Il giocatore vuole davvero venire qui, si informa sulla squadra e sul campionato».
Infine c’è il capitolo dei riscatti. Cinque milioni è la cifra per il diritto relativo a Federico Viviani, e in casa felsinea ci sono valutazioni in corso: il prossimo mese potrebbe essere decisivo. Il riscatto di Filip Helander diventerà invece obbligatorio al raggiungimento della matematica salvezza, per 2 milioni di euro. Per quanto riguarda Umar Sadiq, il Bologna ha un diritto di riscatto fissato a 4 milioni ma la Roma ha mantenuto un contro-riscatto che si aggira attorno ai 6-7. Sia il riscatto che il rinnovo del prestito sono opzioni su cui si sta ragionando, molto dipenderà anche dalle condizioni del giovane centravanti.