RS, 28/03/2017

RS, 28/03/2017

Verso Firenze, ballottaggio Viviani-Nagy per la regia. Riconferma in vista per Donadoni e la dirigenza  Con il rientro dei Nazionali, inizia ad entrare nel vivo la preparazione in vista della gara di domenica pomeriggio con la Fiorentina. Il primo gruppo formato da Ladislav Krejci, Blerim Dzemaili, Adam Nagy, Marios Oikonomou e Vasilis Torosidis è già rientrato sotto le Due Torri ieri, in queste ore toccherà poi a Federico Di Francesco, Adam Masina, Emil Krafth e Filip Helander, infine sarà la volta di Simone Verdi (per il quale tira aria di debutto in maglia azzurra questa sera contro l’Olanda) ed Erick Pulgar, che salterà comunque l’impegno del Franchi per squalifica. Proprio quello della cabina di regia è uno dei nodi che Roberto Donadoni dovrà sciogliere, e il ballottaggio riguarda Federico Viviani e Adam Nagy. Con Blerim Dzemaili inamovibile, per l’altra maglia a centrocampo sono in lizza Saphir Taider e Godfred Donsah. Da delineare c’è però anche modulo, ovvero resta da capire se il 3-5-2 visto con il Chievo avrà un seguito o se si tornerà al modulo con la difesa a quattro. Tra i pali, in ogni caso, tornerà Antonio Mirante, che aveva saltato l’ultima gara per un piccolo problema muscolare.
E di certo in tribuna ci sarà Joey Saputo, atteso a Bologna nel fine settimana. Tra i vari temi di cui il chairman potrebbe occuparsi anche quello dei contratti di Roberto Donadoni e dei dirigenti. Quello del tecnico scade nel 2018 ma ci sono segnali che indicano un possibile rinnovo fino al 2020. A ottobre scade poi il mandato dell’a.d. Claudio Fenucci, e anche in questo caso gli ottimi rapporti con la proprietà fanno presagire una prosecuzione del rapporto. Anche il contratto del d.s. Riccardo Bigon scade nel 2018, e va segnalato come Saputo stia apprezzando molto il suo lavoro, dalla gestione (con relativa cessione) del caso Amadou Diawara alla costruzione di una squadra con molti giovani e dunque futuribile.

Foto: bolognafc.it