Rassegna stampa 19/06/2017

RS, 29/03/2017

Le prove tattiche in vista della Fiorentina iniziano all’insegna della difesa a tre Prime prove tattiche in vista della gara con la Fiorentina per i rossoblù, che si preparano a riabbracciare in queste ore anche gli ultimi giocatori impegnati con le rispettive Nazionali, ovvero Simone Verdi, Emil Krafth e Filip Helander, oltre a Erick Pulgar che domenica dovrà comunque scontare un turno di squalifica. Ieri mattina la squadra ha svolto un lavoro principalmente fisico, con alcune ripetute in salita, mentre nel pomeriggio è stata la volta di partitelle a tema, e in quella conclusiva è arrivata anche qualche possibile indicazione tattica in vista del match del Franchi: tutte e due le formazioni erano schierate con la difesa a tre. Da una parte la retroguardia era composta da Gastaldello, Maietta e un Primavera, aspettando il ritorno di Helander. Nel ruolo di centrale difensivo è stato poi provato anche Torosidis, segno che eventualmente il ballottaggio per la fascia destra riguarda Mbaye e Krafth e quello a sinistra Masina e Krejci. In assenza di Verdi, ieri Destro e Petkovic sono stati schierati insieme, e in cabina di regia da una parte ha agito Nagy e dall’altra Viviani.
Soltanto prove, per ora, in attesa che Donadoni possa contare sull’intero gruppo e iniziare così a testare l’undici che affronterà la Fiorentina. Di fatto ai box resta il solo Luca Rizzo, che continua a svolgere terapie all’Isokinetic. Viste le assenze, ieri il tecnico ha appunto arruolato per anche alcuni ragazzi della Primavera: tra gli altri sta iniziando a mettersi in mostra anche Juan Manuel Valencia, che dopo i primi allenamenti in cui è sembrato dover prendere ancora confidenza con la nuova realtà, negli ultimi due giorni sta mostrando numeri interessanti. Sempre ieri, infine, hanno svolto lavoro personalizzato Dzemaili, Masina e (in parte) Di Francesco.
Nel frattempo, con l’arrivo di Joey Saputo sempre più vicino, resta caldo anche il tema del passaggio dello stesso Dzemaili a Montreal. Al momento, di fatto, si tratta solo di capire quando avverrà il trasferimento agli Impact. La prossima finestra di mercato del campionato americano chiude l’8 maggio: se il passaggio avvenisse entro quella data, il numero 31 rossoblù ovviamente non chiuderebbe la stagione in Italia, saltando le gare con Pescara, Milan, Juventus e, forse, quella con l’Empoli del 7 maggio, assaggiando il campionato americano già dalla decima giornata. La finestra di mercato successiva è a luglio, il che permetterebbe a Dzemaili (oltre ad evitargli un tour de force) di giocare comunque 17 gare più eventuali playoff.