RS, 29/06/2016

Il pre-ritiro piace ai rossoblù. Se resta Diawara parte Oikonomou? ‒ Si divertono, si riposano e intanto sciolgono un po’ i muscoli. Ovvero fanno gruppo e nel frattempo mettono la prima benzina nelle gambe in vista della prossima stagione. Ai rossoblù sta piacendo questa settimana di pre-ritiro in Sardegna, una prima assoluta in casa Bologna ma non per Donadoni, che aveva già proposto questa iniziativa ai tempi del Parma. Due sedute al giorno, la prima al mattino tra acqua e spiaggia, la seconda nel pomeriggio con lavoro atletico che ieri ha anche portato i rossoblù a correre in pineta.
Nel frattempo si continua a lavorare sul mercato. Bigon sta tenendo calda la pista con l’Inter per Assane Gnoukouri e Jonathan Biabiany, anche se in queste ore il club nerazzurro è alle prese con il cambio ai vertici dirigenziali. Sarebbero poi proseguiti anche ieri i contatti con la Roma (in ballo anche Juan Manuel Iturbe e Umar Sadiq) e Napoli per Diawara. Come ha sottolineato nei giorni scorsi l’a.d. Claudio Fenucci, esistono sostanzialmente due piani. Il primo prevede la cessione del centrocampista, mentre il secondo la sua permanenza sotto le Due Torri. In questo caso, nell’ottica secondo cui qualche sacrificio andrà comunque fatto per avere più denaro da investire sul mercato, a partire potrebbe essere Marios Oikonomou. Estimatori nei confronti del difensore greco non mancano, sia in Italia che all’estero, ma certo il valore non è lo stesso di Diawara.
Per il ruolo di esterno, nei giorni scorsi era circolato il nome di Marco D’Alessandro dell’Atalanta. Sta emergendo, però, che l’ipotesi al momento non convince più di tanto Donadoni, che sulle corsie vorrebbe qualcuno con più confidenza con il gol. Domani intanto sarà ufficialmente l’ultimo giorno in rossoblù di Emanuele Giaccherini, che tornerà ad essere a tutti gli effetti un giocatore del Sunderland. Il Bologna non ha abbandonato l’idea di confermarlo, ma la strada si presenta decisamente in salita. Per quanto riguarda le uscite, per Matteo Mancosu c’è una trattativa avviata con il Novara mentre su Filippo Falco ci sono diversi club cadetti, ma il giocatore preferirebbe aspettare una chiamata dalla Serie A.